Tè alla menta e bellezza ovunque

Credo sia il primo Natale nella storia che mi sento serena. E questo a prescindere dai debiti, da quello che accade al governo, dalla pressione delle multinazionali per colonizzare anche noi con i loro organismi variamente modificati e le loro soluzioni folli, dalla situazione assurda nella quale versano moltissime famiglie (e, ancor peggio, persone sole). Ho amici in grande difficoltà, e vedo sempre più spesso gente anche ben vestita che fruga nei cassonetti.

infuso di menta

Lo so non è molto carino parlare di queste cose in questi giorni. Ma sono sempre stata abituata a guardare la realtà e a considerarla oggettivamente, senza abbellimenti o bugie, e a considerare gli stati d’animo degli altri come fossero i miei, anche perché potevo fare poco per evitarlo a causa della mia empatia congenita che sarebbe anche un pregio, se le ondate emozionali che ne derivano fossero controllabili.

Ma non volevo parlare di me. Volevo solo partire dal fatto che sono serena nonostante tutto quello che accade, per dirvi che inaspettatamente riesco a vedere oltre, e ogni giorno di più mi rendo conto che stiamo facendo una virata verso la saggezza, forse anche *grazie* alla profonda crisi di valori nella quale siamo rimasti impantanati negli ultimi vent’anni, che si porta dietro per forza di cose una coda di riflessione, e a quella economica degli ultimi mesi che ha dato il colpo di grazia definitivo alla mentalità folle e ignorante che abbiamo subìto per troppo tempo.

Negli ultimi tempi ho conosciuto tante persone belle, calme, equilibrate e coraggiose, e anche dalla mia finestra su facebook vedo tanta gente che fa di tutto per migliorarsi, che contrappone un’incredibile creatività alle difficoltà, che è grata per ciò che ha e che ha voglia di migliorare le cose. Ci sono gruppi nei quali si possono scambiare con altri le cose che non si usano più, altri nei quali si regalano ogni sorta di cose alla sola condizione di andarsele a prendere (quest’estate c’era un tipo che stava cambiando gli infissi di casa sua e regalava un sacco di finestre di legno massiccio, stupende!!), poi genitori “fuori dal coro” che si scambiano informazioni preziose su come tirare su in modo intelligente i propri figli, e (ovviamente tra i miei preferiti!) non luoghi nei quali si discute di cibo consapevole, a livelli molto alti! Per non parlare di voi: fate un giro tra i commenti qui sul blog e guardate le cose splendide che scrivete, tutti. Voglio dire, a questo punto non potrei mai dire qual è il commento che mi ha più colpito, perché ce ne sono una marea!

Nicoletta <3

E poi i gesti spontanei come quello che vedete qui sopra, che mi lasciano talmente senza parole che non sono in grado di descriverlo. Grazie dal profondo del cuore mia cara Nicoletta (e grazie ancora per essere venuta ad ascoltarmi sfidando le intemperie l’anno scorso), ma grazie anche a te Angelo, per i meravigliosi libri che mi hai inviato, e Armando, e Francesca, e tutti voi per essere ciò che siete, ma soprattutto perché avete la forza e il coraggio di credere che le cose possano migliorare, anzi cambiare radicalmente.

Vabbeh. Prima che mi si appiccichino le dita sulla tastiera (che sto diventando sdolcinata, e lo sapete il prof cosa ne pensa dell’eccesso di zuccheri!) volevo solo augurarvi uno splendido periodo di festa e riposo, e regalarvi, in perfetto stile pastonudista (oh, fosse una volta che ci sono riuscita a postarvi qualcosa di natalizio a Natale!) una tisana tanto semplice quanto meravigliosa, che vi sarà utile soprattutto in questi giorni, nei quali è facile mangiare troppo di tutto :-)

Ci sono inciampata un paio di giorni fa, sempre su Facebook, postata dal sito ufficiale del Gerson Institute, del quale mi sa che non vi ho mai parlato, eccezion fatta per uno sparuto commento nel post vecchissimo sui flexitariani, e un accenno in quest’altro post del tipo chiacchiere tra pastonudisti, che risale a più di un anno fa, dove linkavo questo video molto interessante nel quale la figlia (novantenne!) del dottor Max Gerson, Charlotte, racconta con grande trasporto vita e miracoli del suo intelligente papà.

Si parla di crudismo e coltivazioni biologiche, ma, cosa per me più interessante di tutte, di uno dei numerosissimi punti di incrocio tra salute e cibo, vale a dire la mia passione. La terapia Gerson è “un trattamento naturale che attiva le straordinarie proprietà di auto guarigione che l’organismo possiede, attraverso una particolare dieta biologica e vegetariana”, composta soprattutto da succhi di frutta e verdura ottenuti con delle macchine particolari che li estraggono senza rovinarli.

Si parla di supporti per artrite, problemi cardiaci, allergie, e svariate altre malattie degenerative tra cui tubercolosi, diabete, e anche alcuni tipi di cancro (se ho ben capito). Se volete saperne di più andate a curiosare qui, io lo trovo avvincente (no non ho intenzione di virare verso il crudismo) e mi sembra tutto molto sensato e semplice da realizzare.

Tornando alla tisana, nel post di cui vi parlavo poc’anzi c’è scritto che il tè alla menta è l’unica bevanda non-succo permessa nella terapia Gerson, per le sue proprietà digestive e anti-nausea (cito: “Peppermint tea soothes the stomach, and helps relieve nausea, digestive discomfort and gas”). Leggendo l’articolo mi sono ricordata che avevo visto questa tisana anche nell’ultimo librone di bioterapia nutrizionale che ho annesso alla biblioteca, quello del dottor Fausto Aufiero di cui vi parlai a suo tempo qui. Per inciso, potete leggere una sua intervista molto recente qui, sullo stesso sito dove potete farvi due risate guardando anche l’intervista (video! ARGHHH!) a me medesima sull’associazione del pasto nudo e altre varie pastonudità.

In particolare, nel librone c’è scritto che nella menta piperita c’è un olio essenziale che “agisce in tutte le condizioni di spasmi e contratture di origine nervosa centrale, per esempio nei soggetti sottoposti a stress intensi, come in previsione di un esame impegnativo o in qualunque altra condizione clinica caratterizzata da ansia e tensione neurovegetativa. In questi casi, la tisana di menta è in grado di ridurre anche il tono di contrattura del cardias, così da facilitare l’eliminazione dei gas dallo stomaco. Le proprietà antispasmodiche e lenitive ne rendono possibile l’utilizzazione nelle fermentazioni intestinali. Essa è controindicata solamente nei casi di ipersimpaticotonia.”

coltivare la menta sul balcone

Insomma una piantina non poco generosa e utile (mi piacerebbe molto sentire il parere di una certa Sabine su questa meraviglia della natura!), e guarda caso infestante — quindi facilissima da coltivare anche in vaso — e presente praticamente in tutte le stagioni (in questo momento nel mio vaso sul balcone c’è n’è una in piena salute, non proprio come nella foto, che ho scattato quest’estate, ma quasi).

Ingredienti:
foglie di menta
acqua pura
una poltrona comoda e accogliente

Vi annoto tutti e due i procedimenti (molto simili!), la Gerson-ricetta prevede di bollire le foglie fresche nell’acqua (un cucchiaio di foglie per tazza) e poi lasciarle in infusione dentro ancora per dieci/dodici minuti, poi togliere le foglie e sorseggiare.

Quella della bioterapia invece prevede di bollire cinque foglie in 100 ml di acqua per cinque minuti, e poi bere il tè tiepido o freddo. In tutti e due i casi più che tè sembra un decotto; io la faccio anche semplicemente portando l’acqua a ebollizione, poi spegnendo e mettendo dentro le foglioline, proprio come un tè.

Tra un sorso e l’altro non mi resta che augurarvi intelligenza, calma e profondità, e un nuovo anno diverso (in meglio!) da qualunque altro abbiate vissuto finora :-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

14 comments

  1. Graziella Carnevali ha detto:

    Che strano, anche a me questo Natale è piaciuto (erano anni che non mi succedeva) e sono riuscita a viverlo serenamente, nonostante le difficoltà in cui tutti versiamo.
    I motivi per me sono stati: non sentirmi l’unica a non voler spendere stupidamente (da anni non faccio regali se non ai bambini, e di solito libri: le cose a dicembre costano sempre di più), nessuno ha insistito per invitarmi a pranzi pantagruelici in cui mi annoio mortalmente (e quindi devo litigare per non andarci, o litigare quando ci sono andata) , intorno a me nessuna corsa allo spendere freneticamente, nessun nervosismo eccessivo, C’è la crisi, il Natale si festeggia quietamente e con parsimonia. Finalmente! Auguri anche a te.

  2. stelladisale ha detto:

    cara sonia, non posso che concordare coi contenuti di questo post; sulla menta, che adoro anche se adesso le mie piante sono a riposo, sul fatto che stiamo vivendo una nuova era, portati anche dalla crisi, e che ci siano ovunque persone belle e positive che hanno fatto percorsi verso una migliore consapevolezza e sensibilità, sull’accenno alla terapia gerson, che so per certo può dare risultati eccellenti.
    come sai, i “punti di incontro tra cibo e salute” sono anche la mia, di passione e se anche le nostre strade a volte possono sembrare divergenti credo abbiano in comune tanti punti fondamentali :-) ti auguro un 2014 di grandi soddisfazioni

  3. izn ha detto:

    @Graziella: Auguri cara Graziella!! Tra qualche giorno controlla la posta elettronica, dovrebbe arrivarti una cosa speciale da parte del pasto nudo (con tanto affetto da parte di tutto lo staff!) :-)

    @stelladisale: Stella non sai quanto mi faccia piacere questo tuo commento! Io non trovo affatto che le nostre strade siano divergenti, anzi mi sembrano estremamente simili, ovviamente adattate alla nostra diversa personalità, ma l’obiettivo è identico :-)

  4. caterina ha detto:

    Questo post è perfetto per me, per il mio sentire e per il periodo che stiamo vivendo. La menta, una piantina forte ma discreta, modesta, che cresce quasi invisibile in mezzo a tante altre, senza farsi sopraffare e sottomettere. E di grande aiuto: profuma e i profumi naturali fanno più dolce la vita, è buona (idem come sopra), non costa praticamente nulla se hai la fortuna di averla nel giardino o in un vaso sul davanzale (tempi di crisi!) e in più fa anche bene! Grazie per avercela ricordata.

  5. sabine eck ha detto:

    Ahhh, la Menta cara Sonia… una meraviglia!… era la mia prima “droga” da studentessa. Ne sentivo un grandissimo bisogno; probabilmente per le sue capacità di regolatore neurovegetativo.
    Certo non è un anti-spastico di prima scelta – invece come regolatore a favore di un Vagotono equilibrato (“vita da gatto”) è perfetta.
    Piace molto anche agli adolescenti; probabilmente per questa sua funzione di “coordinatore” fra gli estremi… mentre gli ormoni “ballano il Rock”
    Ne hai fatto una bellissima ed utile presentazione… nulla da aggiungere :-))

  6. Simo ha detto:

    Scusa ma che è l’ipersimpaticotonia? Non è che puoi usare ‘ste parole difficili e cavartela così!!! :-)

  7. izn ha detto:

    @Simo: Ahahah Simo, hai ragione! Se non sbaglio è un iperfunzionamento del sistema nervoso simpatico, cioè quello non controllato dalla nostra volontà, che può portare sbalzi di pressione e altri problemi :-)

    Ho trovato questa definizione su una pagina di Medicitalia: “Semplificando molto, il sistema nervoso vegetativo (quello che presiede per esempio alla regolazione del battito cardiaco, della frequenza respiratoria, della motilità gastrointestinale….) è gestito dal sistema simpatico e parasimpatico, che hanno, in genere, funzionamento opposto. Per esempio, il simpatico aumenta il battito cardiaco, il parasimpatico lo riduce. Un equilibrio tra questi due sistemi determina una normale frequenza cardiaca (stimata tra 60 e 90 battiti al minuto). Ci sono persone simpaticomimetiche in cui il sistema simpatico predomina sul parasimpatico. E persone vagotoniche in cui succede il contrario.”

  8. claudia ha detto:

    Io la menta proprio non la sopporto. Qui tutti ne hanno in giardino, io la evito come la peste, persino il profumo. Mi sa che sono iper simpatica ;-)
    Ma lo tengo buono per il fisico teorico Tedesco: lui la adora! E’ proprio vero che gli opposti si attraggono. Grazie!

  9. Armando ha detto:

    Quando hai postato questo post ero tra un piatto di bigoli e un carré di maiale al pistacchio ( Zac mi stava pedinando ) mi scuso Sonia è bellissimo….grazie, grazie per avermi citato, ma soprattutto grazie per queste parole che sento VERE che sento MIE”…ma soprattutto perché avete la forza e il coraggio di credere che le cose possano migliorare, anzi cambiare radicalmente…” Grazie Sonia sei unica!!!! solo cose belle anche a te!

  10. Graziella Carnevali ha detto:

    Cara Izn, vedo ora la tua risposta. Grazie!!! Aspetto con ansia. Auguri di tanta felicità .

  11. izn ha detto:

    @Graziella Carnevali: ho provato adesso a inviarti una mail su dannyzucca etc ma mi è tornata indietro :-( ne hai un’altra per caso? Se non vuoi scriverla qui mandamela via mail sull’indirizzo dell’associazione, ce l’hai?

  12. Graziella Carnevali ha detto:

    Mandata.

  13. rosanna ha detto:

    innanzitutto ti auguro un anno pieno pieno di serenità e tanta salute, io penso che siano un pò una conseguenza l’una dell’altra anche se oggi non si può mai dire,abitando ai limiti della terra dei fuochi, posso riempirmi di quanta serenità vuoi, c’è chi fregandosene ti toglie la vita e la toglie ai tuoi cari, , mi dispiace dire queste cose,ho letto ora il post di Sabine sulla rinascita dalle radici e mi è piaciuto tanto, ma in questi tempi leggo tutto per puro piacere, ma da dove si rinasce se non c’è una terra, se non sai a chi credere.Ma non me ne vado, spero,spero continuerò a sperare.Volevo chiederti ho della menta essiccata che mi è stata regalata da un contadino cremonese, è stupefacente ha un odore fortissimo e caramelloso, ti fa tornare bamnina, posso usare anche quella per la tisana? Ti abbraccio forte e auguri ancora, Rosanna.

  14. fra1481 ha detto:

    Adoro le tisane ed i decotti… Le ricette su questo sito, poi, sono davvero fantastiche! :)

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito