Chi di verze si veste…

Ho sentito che dovevo scrivere un qualcosa completamente dedicato alle verze. Perché, periodicamente, mi accorgo di esserne perdutamente innamorata. Ma non propriamente nel senso che impazzisco per il sapore. Anche, ma quasi come corollario. Sfogliarle, guardarle, toccarle. Proprio mi piacciono esteticamente. Avete mai osservato quante variazioni di verde ci sono, in un’unica foglia di verza? Beh, io sí, sono tante e sembrano uscite da un catalogo di quelli dei colori per dipingere.

verza stagionalità

Sono quasi sicura di essere stata un bruco delle verze, in una vita precedente. Ma voi, se sentite una che si chiama Brassica Oleracea Bullata Sabauda, non vi immaginate immediatamente qualcuno di speciale (e anche elegante?). Ecco, io sí.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.
Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato sul sito è semplicemente Nome e Cognome) e la password che ti abbiamo inviato con la tessera.
Se selezioni l’opzione “Ricordati di me” dovrai farlo solo la prima volta.

» Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito