Giugno: la gioia del frutto che matura

Per me giugno è gioia.
È luce, è quella stagione che per molti è estate, ma che no, è ancora primavera, perché non fa troppo caldo, perché c’è l’arietta in sottofondo, perché all’ombra ci vuole il golfino sulle spalle.

cibonudogiugno Giugno: la gioia del frutto che matura

Non è piú freddo, piove meno (?) e non è ancora tempo di zanzare.
È azzurro, verde e giallo ma non troppo. Cielo limpido e voglia di passeggiate. Mi piace ancora più che maggio, ammesso che sia possibile. Almeno fino a metà mese.

Alla gente di qui non sembra vero, di poter far prendere un poco di luce alla pelle (adesso capisco le schiere di tedeschi che nuotano nel Garda in maggio…): nessuno ha più voglia di stare in casa ed io ho persino imparato a dormire senza buio (ehm… qui al momento ci saranno sì e no un quattro ore di buio a “notte”, e non ci sono le persiane, alle finestre).

Insomma, anche se linguisticamente suona malissimo, non trovo altre parole per descriverlo: giugno è gioia.
La natura lievita, il nostro corpo matura, e cerca di trasformare i fiori di maggio in frutti succosi.

Il tema dominante è quello della fertilità, tanto che molte tradizioni antiche consideravano questo mese come il più adatto per iniziare una gravidanza (ma vi immaginate che incubo, un mondo in cui tutti sono nati in marzo? O forse no… adesso ci penso).

E poi, chiaro, tra il 21 ed il 24 di giugno c’è il giorno più lungo dell’anno, il solstizio d’estate.

Considerato la porta degli uomini (in contrapposizione a quello invernale, la porta degli dei), è da sempre giorno di riti e danze e feste e falò. Anticamente le donne si sedevano sull’erba bagnata di rugiada per propiziare la fertilità (se lo facessi io scommetto che propizierei solo una bella cistite ;-) e, nella notte, si raccoglievano erbe particolari, che molto avevano a che fare con il femminile: artemisia, ruta e iperico (detto, appunto, erba di San Giovanni, dal nome del santo a cui la Chiesa cattolica ha dedicato i due solstizi: strano, vero? Mi ricorda vagamente Giano Bifronte, che presiedeva alle due porte solstiziali, in epoca precristiana; ah, questi calchi…).

La cosa buffa, di tutta questa storia, è che nel Medioevo queste feste vennero, per così dire, demonizzate, e le donne che si ostinavano a proseguire queste antiche tradizioni venivano bollate come streghe. Però, poi, le stesse erbe venivano consigliate come rimedio per proteggersi, dalle streghe. Uff… che contorti, gli esseri umani, a volte…

Quando trascorrevo molto tempo in Emilia, ricordo che mi colpì particolarmente il fatto che le noci per il nocino venissero raccolte sempre nel giorno di San Giovanni. E nessuno pensava fosse una cosa fuori dal comune. E se chiedevo il perché mi guardavano come se fossi un marziano: perché così si fa. Punto.
Qui al nord, terra di asparagi, il giorno di San Giovanni è l’ultimo di raccolta (anche del rabarbaro, ma di questo non ne sono sicura, che devo approfondire). Tassativo. Chissà perché.

Ma veniamo al cibo, che altrimenti qui ci si perde in chiacchiere, come sempre.

Dunque, siamo in piena fase di maturazione. Tutti gli alimenti che frenano questo processo andrebbero limitati. La medicina dei conventi sconsigliava, in questo mese, la carne di maiale. Ma anche tutti i grassi animali, che appesantirebbero un organismo in fase di sviluppo (ehm… anche i gelati cremosi ed il latte).
In realtà credo che nessuno abbia voglia di focacce unte e bisunte, o di troppo cioccolato, tè e caffè, o bibite gassate e superalcolici, a pensarci bene. Credo che molti di noi siano già sintonizzati, su queste frequenze di pasti leggeri.
Anche perché, mica per fare terrorismo psicologico, ma pare che le intossicazioni ed i chili messi su a giugno ci rimangano per tutto l’anno (eh eh).

Giugno viene descritto come il mese della leggerezza, del mangiare poco e spesso, degli spuntini. Non troppe calorie, quindi. Meglio assumere l’energia che ci serve dai cereali e da frutta e verdura. Per quanto riguarda la frutta, volendo proprio essere pignoli, giugno non ama quella troppo grassa (avocado, mango, papaya) e nemmeno quella troppo acida (limoni, arance, pere, mele).
Fra poco ci si tufferà nelle ciliegie, lamponi, fragole, frutti di bosco. Insomma, frutta di stagione: che mica ci saranno già le mele, lì da voi?

cibonudogiugno02 Giugno: la gioia del frutto che matura

Io in questi giorni mangerei solo pasta col pesto e le prime zucchine, ma non faccio testo. Niente pomodoro, troppo acido. Nemmeno troppa cipolla e aglio. Tanto di verdure ce ne sono, finalmente!
Asparagi, spinaci, piselli, taccole, zucchine, melanzane… e tante erbe aromatiche, veri scrigni di ognicosa: basilico, menta o timo a volontá. Che rinfrescano e tonificano. E parmigiano, chiaramente, come se piovesse.

Il mese di giugno è ideale per mangiare verdure crude. Per esempio, una bella insalata d’orzo con tante verdurine tagliate finissime (maniacalmente, come farebbe Izn, tutte regolari regolari che secondo me le misura col calibro ;-)).

Per la medicina spagirica l’ortaggio del mese è la carota, che incarna più di ogni altro la luce del solstizio: cruda, in purè, in pinzimonio, in tutti i modi.

Certo, questi sono dei consigli quasi per scherzare, perché mica uno deve mettersi a mangiare carote se non le sopporta (una persona a caso… eh eh… le carote sono credo l’unica verdura che aborro, e di sicuro ci sarà un perché. Adesso rompo le scatole al mio amico dottor (Francesco) Kildare e me lo faccio spiegare).

Io opterei per un flan, o un tortino salato, o semplicemente così, al vapore, e magari condite con un pinzimonio alla senape, che secondo me ci sta benone.

Tra l’altro la senape è consigliatissima per il mese di giugno, anche se – accidenti – non riesco a trovare il nesso con il fiore che diventa frutto. So che da quando vivo qui al Nord il mio corpo la cerca molto più spesso di prima.
Certo, è mooolto difficile trovare senape-senape, perché quelle che si comperano al supermercato hanno almeno dieci ingredienti, tra panne ed aromi ed esaltatori di sapidità. Ma al negozietto bio ne ho trovata una spettacolare, che è fatta solo di semi di senape, acqua, aceto sale succo di limone e curcuma. È in assoluto la più semplice che io abbia mai visto (e assaggiato). E buonissima.

Comunque, ora ho capito perché tedeschi e inglesi ne fanno un uso smodato: i semi di senape, infatti, tra le infinite proprietà, sono perfetti contro i reumatismi e i dolori muscolari (e col freddo umido che c’è qui…).
Non a caso in molte culture, ancora oggi, si ricorre ai cataplasmi di senape.

Anche la medicina antroposofica ne fa uso (sto leggendo Medicina antroposofica familiare di Sergio Maria Francardo: quando parla di pediluvi senapati o altri trattamenti a base di senape mette talmente tanti paletti, che credo sia veramente un rimedio da usare sotto stretto controllo medico; e di uno bravo, per giunta).

In più ha anche effetti digestivi, per cosí dire: ecco spiegato anche il binomio wurstel-senape. Quando scopro il perché di certe abitudini alimentari mi sento così bene, ma così bene… (certo, potrei fidarmi a priori, ma imparerò, col tempo ;-)).

Altro consiglio: per tutto il mese, e ciò a conferma di quello che dice Elena, la colazione dovrebbe essere il pasto più importante, magari a base di yogurt, fiocchi di cereali (orzo? avena?) e frutta fresca, tipo una bella albicoccona a pezzi o frullata.

I protagonisti di giugno sono, appunto, i cereali: via, allora, a spettacolari piatti di pasta, o orzo, o miglio.
Ma è un tema talmente interessante che mi sa ci dedicherò il secondo post del mese.

La bevanda di questo inizio estate è il tè al gelsomino (pare sia l’ideale per gli uomini, che proteggerebbe la prostata). Ne ho una voglia pazzesca, ma qui lo trovo solo dentro al tè verde. Ma non si possono comperare solo i fiori e farsi una tisana? Ora mi concentro e mi collego telepaticamente con Francesca: chissá che non ci sveli l’arcano. Scusate, non volevo linkare un post che a sua volta rimanda al pasto nudo (aiutooo, che loop vertiginoso!), ma mi era veramente rimasto impresso, questo articolo sul gelsomino.

In questo periodo, peraltro, sono attratta anche dal tiglio.
Che proprio ora fiorisce e profuma. In tedesco si chiama Linde, e con il legno di questo albero ci costruivano gli scudi dei guerrieri. Per questo, qui, il nome Linda non significa pulita, come il Mastro della pubblicitá, ma “colei che protegge” (sì, lo so, è una cosa mia che faccio fatica a rivelare, ma è un pezzo del nome di nostra figlia ;-).

Il tiglio è un potente regolatore del sistema nervoso, adatto per chi soffre di ansia, ipereccitabilità e insonnia. O difficoltà digestive dovute a stress, o anche a chi è posseduto dal demone della fame nervosa. Tutti sintomi, comunque, che si accentuano col cambio di stagione e l’arrivo dei primi caldi.
La medicina spagirica consiglia per tutto il mese il bagno ai fiori di tiglio: rilassa, leva lo stress dalla pelle e stimola la dolcezza sentimentale. Va bene… per chi proprio non ha tempo basta anche un pediluvio (porta sollievo ai piedi gonfi). Indicato anche a chi soffre di reumatismi e couperose. Chiedete ad un bravo erborista, che saprà di certo consigliarvi meglio di quanto possa fare io.

A me, fondamentalmente, piace quasi solo per il fatto che questo albero mi ricorda le assemblee degli abitanti dei villaggi, che decidevano delle sorti comuni sotto le sue fronde, o le danze degli innamorati (pare che l’effetto innamoramento del tiglio sia dovuto al farnesolo, un olio essenziale contenuto nei fiori).

Pianta della saggezza e dell’amore. Che si vuole di piú?

Un po’ di giugno in giro per la rete:
Lasagne asparagi ortica e zucchine
Zuppa tenera di zucchine e menta bergamotta
Vellutata di carote fredda con pane fritto
Riso Pel di Carota
Insalatina di zucchine con scaglie di parmigiano
Crostino di agretti e senape
Lasagne di carasau con zucchine
Tartellette al rabarbaro vegane senza zucchero
Crepes con salsa di fragole

 

14 comments

  1. Sandra scrive:

    Giugno, la falce in pugno. Questo proverbio lo ripeto ogni anno, non appena inizia il mese, sin da quando sono bambina. Mi è rimasto impresso da quando ho avuto la prima capacità cognitiva, che avrò avuto sì e no 3 anni, ma chissà quante altre volte me lo avranno detto prima di allora. Indica la mietitura, che secondo me, è il raccolto più importante per la vita dell’uomo. E poi a giugno finiscono le scuole e per me significava poter lasciare la città e ritornare alla mia amata campagna. A giugno a Firenze ci sono *i fochi di San Giovanni* perché è il patrono della città. E ci sono un sacco di verdure buone: zucchine, fagiolini (mamma quanto mi piacciono), asparagi. A me piacciono tanto i pomodori, saranno acidi, ma son così buoni con tanto basilico! E le carote, che fanno tanto bene soprattutto se ci si vuole preparare ad una bella abbronzatura duratura ed uniforme! Proprio ieri al NaturaSì ho fatto incetta di pacchetti di cereali per fare zuppe, buonissime anche fredde e insalate…è proprio un richiamo naturale! E le albicocche? ma anche ciliegie, pesche, susine….Giugno è un’esplosione di colori, profumi e sapori…. adesso qui anche di caldo…..ieri 35 gradi, oggi dicono che ce ne saranno anche di più….è scoppiato tutto insieme, ma, come si dice “non ci sono più le mezze stagioni”!

  2. Francesca scrive:

    cara Claudia,
    che bello svegliarsi a giugno e sapere che i gelsomini del tuo giardino potrebbero essere raccolti per fare un infuso…non ho mai sperimentato, ma credo che potresti cimentarti…ne sarei entusiasta!
    un abbraccio

  3. jennifer scrive:

    Claudia:un nome,una certezza!Cosi’ ho una bella lista di prodotti di stagione!!!!E grazie x la mail…ma poi ti rispondo li’ con garbo…ora,tanto x cambiare ,devo fuggire!!!!

  4. cricri scrive:

    Caspita, però ora c’è un bel caldone, il golfino sulle spalle me lo sogno!
    Io amo le zucchine, e ne faccio gran scorpacciate appena posso.
    Mi piace anche il profumo stordente del tiglio, e passare sotto gli alberi in una mattinata ventosa e ritrovarmi i capelli pieni di fiorellini.

    @Francesca – uh, sai che ho tanto gelsomino e non ho mai pensato di prepararne un infuso?

  5. Cleofe scrive:

    Claudia,:
    il tiglio con il suo odore inebriante che trasmette felicità per l’estate che inizia e amore..
    ebbene si, il mio amore per il mio amore è iniziato 30 anni fa in una strada piena di tigli..
    non ho resistito ..il profumo mi fu galeotto…
    ogni anno,, in questo periodo di grande fioritura, quella strada a noi cosi cara e familiare ci vede camminare, mano nella mano, confusi da così tanto profumo – ci riporta indietro nel tempo che è stato- consapevoli del tempo che è passato…- ma felici di stare ancora insieme !
    scusa la sviolinatura, ma quando hai parlato di tigli non ho resistito !

  6. claudia scrive:

    @Sandra: come sempre, uno scrigno di ricordi (mi sembra sempre di essere lí…magari!)

    @Francesca e Cricri: ehm…qui, veramente, di gelsomini nemmeno l´ombra. Non ci sono molti profumi, e la cosa mi manca, in effetti. Peró, siccome il té verde proprio non riesco a berlo, e anche quello normale non é che mi faccia impazzire, pensavo che magari si potesse fare un infuso solo di fiori (sempre che qualcuno li venda, magari tipo quelle confezioni di fiori di camomilla o di tiglio). O forse ho solo detto una sciocchezza…

    @Cleofe: ma che romanticissima! Ecco perché vorresti vivere a Berlino! Per passeggiare unter den Linden…;-)
    http://it.wikipedia.org/wiki/Unter_den_Linden

    PS: anche qui per un paio di giorni ha fatto caldissimo, e pure afoso (luna in ariete e toro, per chi ci facesse caso ;-). Ma oggi, in gemelli, c´é di nuovo una brezza che rinfresca! A proposito luna: oggi é luna nuova (la luna nuova é sempre nello stesso segno del sole: sole in gemelli, luna nuova di giugno in gemelli, sole in leone, luna nuova di luglio in leone, etc etc): giornata perfetta per stare leggeri, perché le capacitá depurative dell´organismo sono al massimo. Cosí, tanto per curiositá.

  7. Francesca scrive:

    credo ce ne siano in giro ma non saprei con certezza.
    ma ma come non ti piace il tè?! prova e sperimenta, se trovi il tuo tipo e ne avrai cura (giusta temperatura e tempi) sta certa che lo amerai per il resto della vita. Hai ragione, il tè verde non è sicuramente il migliore per un primo approccio, ha un sapore troppo particolare.

    @cricri io e Claudia riponiamo speranze in te allora :-). p.s. attenzione alla velenosità

  8. Cleofe scrive:

    li al Mitte volevo comperare una casa! vedi !
    grazie Claudia del link..mmhh che voglia e che curiosità!!

  9. silvia scrive:

    premesso che vorrei vivere a berlino anch’io…che giugno è un mese che adoro, come le sue verdure e la sua frutta…grazie claudia per il tuo scrivere che sempre cattura e invita a riprendere possesso dei gesti. la notte di san giovanni raccoglierò erbe di rugiada e poi ti saprò dire. mi raccontava un ragazzo a berlino che molti restano volutamente sul treno per raggiungere il mare del nord. ti ho pensata e ho pensato che non posso perdere questa meta. cenare col sole alle 22…è stato inquietante.

  10. Anna scrive:

    @silvia:…ma guarda che a Berlino continuano a cenare alle 18 anche quando il sole cala alle 22. coerenti fino in fondo ;-) peró i biergarten sono favolosi d’estate! e poi i parchi vengono presi d’assalto e vedi tutti felici :-))))

    @ Claudia, ‘sta cosa delle non-persiane é tremenda! Quanto mi mancano! i miei tendoni pesanti non servono a molto e quindi mi sveglio prestissimo, con conseguente bisogno di pisolino pomeridiano sul tavolo della biblioteca eh eh eh :-) …ma tu metti tua figlia a letto presto anche con tutta quella luce fuori? Ma dormono i bambini anche con tutta quella luce?

    Un abbraccio

    Anna

  11. claudia scrive:

    @Silvia: ma allora ci sei stata, al Nord? Ma quando??

    @ Anna: dunque:
    – é vero! Qui si cena alle 18 tutto l´anno (a casa nostra alle 18.15, che siamo italiani ;-)
    – Anna (non tu, mia figlia), ora che c´é piú luce, va a dormire verso 19.30 e alle 20 ronfa (in inverno alle 19 é giá nel mondo dei sogni…e qui c´é gente che cena alle 17, praticamente un merendone eh eh).
    Non ha nessun problema. E anch´io, dopo qualche anno, ti diró che ronfo che é una meraviglia, luce o non luce (quando mi decideró a colorare di scuro queste tende color crema? :-)). Penso che abbia a che fare col fatto che, comunque, in questa stagione qui si fa piú movimento, si é sempre in giro a piedi, o in bici, molto piú che in inverno.
    Sia gli adulti che i bambini hanno bisogno di tutta la luce possibile, per riequilibrare l´assoluta mancanza invernale. É proprio un bisogno fisico, come mangiare e bere, che non avevo mai provato, in Italia. Ecco, l´unica differenza é proprio quella, e cioé che sia i bimbi che gli adulti stanno piú all´aperto (alla scuola materna fanno i pic-nic in giardino e sono sempre fuori, anche se piove e non fa proprio caldissimo…per dire, in questo momento qui ci sono 14 gradi). Peró i bimbi vanno a dormire sempre alla stessa ora anche per un altro motivo: al mattino c´é comunque scuola! La scuola materna non chiude praticamente mai e per le altre…mi sa che quest´anno le vacanze vanno da fine luglio al 20 agosto…

  12. silvia scrive:

    @ Anna: perchè ho avuto l’impressione che i berliner mangiassero a tutte le ore? chiamano cena quella delle 18 e tutto il resto è gioia?
    @ Claudia: mi sono fermata a Berlino, ma la tentazione di restare sul treno è stata grande! e so che lo farò…

  13. claudia scrive:

    @Silvia: eh eh eh…non é un´impressione, che i tedeschi mangino a tutte le ore!Ne parlavo proprio ieri con il proprietario di uno di quei caffé-bistró-pseudo-ristoranti, qui: non hanno giorno di chiusura, e la cucina é sempre aperta. Anche se lui diceva che dalle 4 alle 5 di solito non c´é quasi nessuno, che chiede cibo. Quella delle 18 si chiama Abendbrot (=pane della cena), perché la tipica cena tedesca é pane con qualcosa sopra (formaggio, affettati di dubbia moralitá, qualche fetta di cetriolo…anche con meno 20, in inverno! Le vicine si meravigliano che con dieci sotto zero, in dicembre, a casa nostra la sera si mangia “caldo”: vorrei vedere!)
    Ma mi sa che Izn ci richiama all´ordine, che si va fuori tema ;-))
    Se ti sbrighi a salire su forse ci trovi ancora!!!

  14. ilAria scrive:

    Un po’ in ritardo…
    @ Claudia, Francesca e Cricri (ma forse tutti): attenzione che di gelsomino ci sono (almeno) due varietà più comuni in Italia, uno detto “falso”, che è quello con le foglie più spesse ed è velenoso, e uno con i rami magri magri che è quello utilizzabile in cucina.
    Mia mamma, siciliana, ci faceva uno sciroppo e poi via in freezer per trasformarlo in granita: potete immaginare da sole che cosa meravigliosa può essere una granita siciliana al gelsomino (che tra l’altro è il mio fiore preferito, così en passant).
    Qui potete vedere la differenza fra le varietà, per non intossicarvi: nelle foto in fondo alla pagina, quello a sinistra è quello edibile, mentre quello a destra è quello ornamentale. Occhio!
    http://it.wikipedia.org/wiki/Gelsomino

Add Comment Register



Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito