Maggio: sbocciano i fiori e i desideri

Dichiarazione d’intenti: maggio è strano.
Maggio è il mese creativo per eccellenza. Maggio è femminile, È il mese delle dee, dei fiori e dei desideri. È il mese della grazia, degli incanti e degli aneliti. A maggio si dovrebbe essere lievi, cauti, delicati. E non strafare.
Maggio non è impressionista: è un collage. Maggio, mi sa, forse è il mio preferito.

cibonudomaggio01 Maggio: sbocciano i fiori e i desideri

Che avrà una colonna sonora.
Perché il Primo Maggio, per me, è anche il concerto in piazza San Giovanni, a Roma. Mai stata, ma sempre seguito con rispettosa devozione, anche da lontano. E quest’anno, mentre scrivo di fiori, vorrei essere lì ad ascoltare chi, per lontananza, non posso assaporare dal vivo da anni. Il re della cantina, il vampiro della vigna, sottrattor nella cucina… lui.

Comunque, primavera, dicevamo.
Bella piena, in esplosione. I semini, piano piano, diventano pianticelle, ed è tutto uno sbocciare. Le api sciamano e la creatività è ovunque. Davvero.

Se la nostra società fosse appena appena più attenta a quello che succede nella natura, si dovrebbe andare in vacanza a maggio. E lasciarci sbocciare per benino.

Il primo giorno del mese corrisponde ad un’altra di quelle tradizioni che si perdono nella storia di moltissime culture: il Calendimaggio, il trionfo della luce, il ritorno della vita.
Esattamente sei mesi dopo (o prima) della festa del primo novembre. Sarà un caso? Come al solito, è tutto spiegato per benino qui.

Al centro di tutto stavano gli alberi e i fiori (soprattutto quelli del biancospino). Fiori che davano anche il nome alle feste che si celebravano nell’antica Roma. I Floralia, appunto, in onore della dea Flora, che ammetto essere una delle mie preferite. Guardate qui, e prestate attenzione soprattutto alla parte finale; che ci ritorniamo, con calma.

Ed il nome? Maggio deriva da Maia, la Terra, forse moglie di Vulcano, alla quale il primo giorno del mese si usava sacrificare un maiale in segno di buon augurio (stessa origine etimologica, pare).
Insomma, maggio è il mese delle dee, come la Chiesa Cattolica capì bene fin dal Medioevo. Dopo aver cercato invano di sradicare il carattere pagano delle feste che si celebravano in questo mese, decise di fare l’unica cosa sensata: sostituì a tutte queste figure femminili la figura di Maria, donandole pure i diversi attributi di ognuna di esse: il biancospino sacro a Maia, la rosa, il serpente di Bona Dea (che Maria ha spesso sotto i piedi nell’iconografia cristiana) e, soprattutto, purezza e castità.

E allora? Allora metto insieme tutto, come al solito, per ovviare almeno in parte al caos che mi occupa.
A cosa dobbiamo prestare attenzione, in particolare?
Ecco, il pericolo credo si trovi proprio nel fatto che si impedisca alla nostra energia creatrice di sbocciare. Se ci opponiamo (con una vita stressante o con un’alimentazione sbagliata, per esempio), se mettiamo un freno alla creatività che ognuno di noi possiede e che deve uscire, ecco, allora arriva l’ansia.
Leggo che è un’energia non impiegata, trascurata o usata male, che si fissa nelle cellule nervose, che la diffonderanno nel corpo impedendone il rinnovamento.

È come se il nostro cervello fosse il seme di una pianta, dell’albero caro ai riti di maggio. Seme che contiene un progetto che germoglia e prende forma. Così come le radici ed i rami portano la linfa, parrebbe che i filamenti nervosi conducano l’energia vitale in tutto il nostro corpo.
Affascinante, vero? Io rimango sempre a bocca aperta, per quanto la natura sia così semplice e così perfetta allo stesso tempo.

Beh, io – come sempre – divago.
Per cui mi richiamo all’ordine, e mi ripeto che questo è un blog a tema alimentare.

Allora: ci sono dei cibi antiansia? Non lo so. Bisognerebbe chiederlo ad un medico.
Io mi limito a riportare cosa consiglia il buonsenso di chi una volta viveva molto più a contatto con la natura di quanto non lo si faccia oggi.

Dobbiamo in qualche modo germogliare. Sarebbe bene non sovraffaticare l’organismo, tenero virgulto, non caricarlo con sapori troppo forti o speziati (zenzero, peperoncino…), le cui sferzate di energia potrebbero risultare un tantino eccessive, in un momento così delicato (avete presente certi ragazzini, sugli otto anni, che vanno a scuola carichi come muli sotto il peso di zaini più grandi di loro?)

Per lo stesso motivo da evitare tutte quelle cose troppo zuccherose (meglio il miele, credo, o forse il latte, così ad istinto, per appagare la voglia di dolce).
Anche fritti, grigliate, ragù e brasati, così come i sapori troppo acidi. Niente aceto, che l’insalata la si può condire anche senza, magari con tante erbe aromatiche sfiziose. Annusate quelle che più vi attirano e mettetecele ovunque.

La carne bianca, ed il pollo, soprattutto, sono l’emblema del mese (per chi ne mangia, chiaro). Ma non fritto (quanto mi piacerebbe andare a lezione da Elena, in questi momenti…). Io direi al vapore o comunque piuttosto asciutto (il brodo no, di certo, che quello ci serve in inverno ;-)).

Anche i legumi che maturano ora sono perfetti: fave e pisellini hanno un colore così primaverile! (beate voi che potete, fatene delle gran mangiate anche a nome mio, che qui non se ne trovano, sigh).
Insomma: cibi cucinati in modo essenziale. Punto. Ognuno lo interpreti come vuole.
Per la medicina cinese i colori del mese sono il bianco, il giallo ed il rosa. E un po’ tutti i colori pastello e delicati. Riempitevi la casa di fiori primaverili ed annusateli più che potete.

Siccome caffè manco a pensarci, si consigliano infusi. E qual è l’anti ansia per eccellenza? Toh, ma guarda: il biancospino, quello sacro a Maia, alla Madonna e agli alchimisti. Ho appena letto che proprio gli alchimisti pensavano che le spine di questa pianta (che cresce piano ma che zitta zitta raggiunge anche i 100 anni) simbolizzassero i dolori della vita, ma che in qualche modo non ne fossero spaventati più di tanto, perché pervasi dalla certezza che il fiore fosse capace di liberarcene.
Tutti a tirar giù fiori dai biancospini, quindi.

Ma non solo. Ci sono tantissimi fiori, in questa stagione, e sono rimasta sorpresissima dalla quantità di ricette coi fiori che ci sono in giro per il web. Ringrazio Vera e questo suo post per avermi risparmiato parecchio lavoro: ho spulciato i vari link (beh, dopo 4 anni qualcuno era sparito ;-) e vi metto in fondo, come al solito, quelli che sono sopravvissuti alla crudele legge del web. E non penso solo al solito risotto alle rose, per intenderci.
Se non mi credete, guardate questo, per favore e poi meravigliatevi (peccato che non ci siano le foto, bisogna andare d’immaginazione!).

Ma ho bisogno di una pausa, dopo tutto questo parlare di fiori. Perché la canzone più bella, sui fiori, non la cantava Nilla Pizzi, ma lui.

Vi voglio lasciare con una riflessione, a cui ha dato il via la lettura di un post dedicato alla pubblicità (consapevole o meno) sui blog di cucina. E proseguita con questo articolo, a pagina 27.
Si legge di cibo e alimentazione primaverile, ma cosa c’entrano tutte quelle domande? Mi chiedono se ci sono sogni nascosti, progetti rimandati, amicizie dimenticate, e cosa mi fa bene, cosa mi piace o cosa mi rinforza. Poi capisco, piano piano: primavera, da dedicare al riordino, alla pulizia della casa, ma in senso moolto ampio: in fondo anche il corpo è una casa, o no? La nostra mente è come una soffitta, piena di immagini, impressioni, emozioni. E pregiudizi. Come scrive Micaela Balice sulla volontà e sul desiderio (ero abituata a sbirciare sul suo sito, e me la sono ritrovata all’improvviso, la sua firma, arrivata in fondo…)

Per finire con l’apoteosi della liberazione dei sogni, guardate qui, sulla sinistra, alla voce “magia del desiderare”

Ecco. Vi lascio, alla grazia e all’incanto.

Giri strani nel maggio degli altri:
Ricette con i fiori
I fiori in cucina
La cucina con i fiori: ricette e consigli
Asparagi, nocciole e petali di rosa
Primule, margherite e viole in cucina
Insalata di pollo e riso
Insalata di pollo, il bello della dieta
Cannelloni allo zafferano con farcia di pesce su salsa di piselli
Paccheri allo zafferano con piselli e gamberetti
Pasta e piselli
Passato di piselli al profumo di cedro e fiori di salvia
Piselli
Insalata di carciofi e fave
Tortellini con ripieno di patate alle fave e…

 

21 comments

  1. sara b scrive:

    pensa ad assisi si festeggia sempre il calendimaggio, anzi forse è la festa più sentita… :) grande vinicio, e grande claudietta!
    ps: per oggi pomeriggio ho programmato un post che guardacaso è piuttosto affine a quel che scrivi tu :D

  2. Castagna scrive:

    Grazie per le dettagliate informazioni…adoro questo scoppiare di fiori e di erbette.
    tra l’altro proponi in primo piano una bella foto di piselli che propone pure Sigrid…tra un po’ sarò contagiata nach’io?
    Boh non so…. :-)

    PS PS sono passata su un nuovo blog, ma sono sempre Castagna…passa a trovarmi, mi farebbe MOLTO piacere

  3. Francesca scrive:

    bellissimo post. le associazioni che scorgo nella lettura sono raffinatissime, seguono l’andare della logica della mente. come fa Vinicio nelle sue canzoni…buon maggio

  4. Titti scrive:

    Post molto interessante ed in cui mi ritrovo molto…grazie per gli spunti di riflessione e le possibilità di approfondimento…qui in Austria è pieno di Maibäume ed oggi finalmente leggo del loro significato!

  5. claudia scrive:

    @Sara b: eh eh…si vede che é maggio anche da te ;-)) Giá in questi giorni ho una voglia irrefrenabile di ravioli, se poi me li fai con le erbette cosí…prima o poi mi metteró a tirare la sfoglia, é solo questione di ore, ormai!
    @Castagna: é chiaro che la foto non é mia, ma di Izn. Talmente spettacolare, con quei pisellini finto-disordinati (chissá quanto ha impiegato, con la pinzetta…) ;-)
    @Francesca: troppo buona (non per Capossela, intendo). Buon maggio anche a te!
    @Titti: ma che bello, il tuo blog! Con l´erba, e la terra sotto…e poi pure con la traduzione! Cosí posso passare le ricette direttamente alle vicine senza fare la fatica di tradurle! Sto diventando stra-faul: sará l´aria del (Mecklemburg)-Vorpommern? Per un attimo ho pensato che la versione tedesca fosse rivisitata e corretta apposta per i gusti germanici (come fanno i ristoranti italiani, di solito, che aggiungono panna e cipolla ovunque). Eh eh, che flash!

  6. Titti scrive:

    Cara Claudia, grazie di essere passata, mi fa piacere che ti piaccia!
    Mamma mia come li conosco quei ristoranti pseudo-italiani…coi nomi di piatti che non stanno nè in cielo nè in terra (tipo “risotto toscana”) e le pizze con l’emmenthal :(

  7. marcella scrive:

    Uff, è un sacco di post che non scrivo (ma rimedierò presto!), anche perchè questi sono da legger con calma e riflettere su ciò che si legge.
    Condivido tutto ciò che hai scritto su maggio, mi ci ritrovo in pieno: forse perchè è il mese del mio compleanno?
    Baci a tutte!

  8. Cleofe scrive:

    Anche io sono nata in maggio
    mi sento lusingata dalle belle parole che hai scelto, terra, fiori, germogliare! mi sento a casa!
    brava claudia

  9. cembolina scrive:

    ecco, claudia. che io lo so che qui si dovrebbe parlare di cibo. e invece mi viene da dirti (ma prima mi cospargo il capo di cenere) che mi hai fatto scoprire un vinicio capossela che non conoscevo. e che ora passerò il resto della serata ad incantarmi sulle pagine dei desideri e della volontà. e dire che ero venuta qui per scrivere il mio post su maggio…

    :-)

    baci e grazie, come sempre

  10. Giò scrive:

    quanto mi piace immergermi in questo mondo magico! maggio è decisamente un mese femminile sarà per questo che mi piace tanto e l’idea di un seme che mi germoglia dentro per diventare un albero mi fa sentire forte.
    grazie anche per tutti i meravigliosi link che mi sto leggendo e studiando come una pazza!

  11. jennifer scrive:

    …etttepppareva?????????Proprio domenica ho iniziato ad autoprodurmi i germogli!…:-(,ma stamattina ho bevuto il caffe’(cosa che non faccio praticamente MAI!!!!)!Grazie x tutte qst nozioni…sei una bomba,come sempre!Ora,con calma,mi apriro’ ogni link nascosto tra le righe!!!!!Baci!PS:forse forse i tuoi esercizi”da pollice”son serviti da coadiuvante,…non lo dico troppo forte…sssshhhhhh!

  12. Loretta scrive:

    Brava brava brava!! MA come mai che ogni post che scrivi mi incanti? Amo il mese di maggio con la Natura che esplode in mille colori ed energie meraigliose (quest’anno anche a dispetto del clima che non l’aiuta…). Io ho sempre avuto un rapporto speciale con le piante ed i fiori… Io sono di giugno, ma il primo in realtà… chissà che non senta anche maggio scorrermi nelle vene come fosse il mio mese… Aspetto il post di giugno con infinita curiosità!!

    p.s. grazie per i mille link di approfondimenti che hai inserito in questo post, piano piano me li leggo tutti!

  13. claudia scrive:

    @Titti: magari fosse emmenthal! In Germania si chiama ersatz-käse (sostituto, surrogato del formaggio): grande scandalo alimentare, l´anno scorso…
    @Marcella e Cleofe: auguri!! Ecco perché mi siete particolarmente simpatiche!!
    @Cembolina: eh no, cosí non vale…niente scuse: scrivi, che sto aspettando! ;-)
    @Gió: consiglio lo studio dei link sui desideri: pare funzioni…poi mi dici, peró!
    @Jennifer: sai come dicono qui, per augurare buona fortuna? “Ich drücke dir die Daumen!” (“stringo i pollici per te”). Quindi…
    @O Loretta dal mio cognome preferito: facevamo che (come si diceva da piccole) tu mi scrivi un altro dei tuoi tuffi nella foresta cioccolatosa, e *poi*, quando riemergo, scrivo il post di giugno? eh eh eh (o ti vengono le nausee al solo pensiero?)

  14. soniuccia68 scrive:

    CIAO A TUTTE_TUTTI,
    anche io sono nata di maggio, una terribile gemelli ma ne sono fiera!
    Vi seguo ogni tanto, lo so,sono sparita nel nulla e non mi faccio mai viva ma purtroppo le giornate sono troppo stra piene!

    CLEOFE un bacio speciale, ci sentiamo al telefono????
    FINALMENTE il Forno K.A è qui a casa!!!!
    IZN, TESORO, mamma mia non ci sentiamo nemmeno piu’!
    Perchè non venite di nuovo qui in toscana?

    CIAO
    SONIUCCIA

  15. Cleofe scrive:

    Soniuccia ti rispondo di là…

  16. accantoalcamino scrive:

    Ho visto con piacere che hai messo un link d una mia ricetta, grazie!!! A buon rendere…hai un blog splendido..davvero!!

  17. Daniela scrive:

    Molto interessante questo post, anch’io aprrezzo la cucina con i fiori.

  18. claudia scrive:

    @Soniuccia68: se solo non fossi a 2000 chilometri di distanza ci verrei io, a trovarti, e di corsa! Benritrovata.
    @Accantoalcamino: non mi stancheró mai di ripetere che il blog é davvero stupendo, ma non é mio…eh eh…io sono ospite di una delle tante staze della casa di Izn (guarda sulla destra, in alto, alla voce “orientarsi”)!
    Per la ricetta, naturalmente, sono io che ti ringrazio: ho scoperto da poco il tuo blog e devo dire che é davvero elegante e curato, proprio come piace a me..mi sa che hai acquisito una nuova e assidua lettrice! ;-)

  19. Sabrina scrive:

    Io questa Claudia la adoro, sempre spunti nuovi ed interessanti.. :)

    Soniuccia dovrei chiederti una cosa, qual’era quell’olio essenziale che citi nel post della prima lezione con Giannattasio? Quello per rimanere immuni dalle influenze esterne?..credo di averne bisogno in questo periodo. Te ne spalmi una goccia sui polsi? Baci grazie

  20. […] questa pianta fiorisce in primavera, stagione della rinascita, come scrive magnificamente Claudia. l’olio essenziale, viene usato per profumi. grazie a tutte le sue proprietà, è consigliato […]

  21. silvia scrive:

    mi mancavano le tue dritte e i tuoi rovesci, l’apertura di tante finestre che si affacciano su altrettanti mondi da scoprire. grazie di cuore. silvia

Add Comment Register



Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito