Semelogia

Dunque… eravamo rimasti alle dritte del “Salute naturale” di un dicembre antico e al progetto (in due parti) di depurare l’intestino con le radici e nutrire il cervello. Con i semi. Quando penso ai semi capisco che discendiamo dalle scimmie. Da piccola, ricordo che adoravo quei tre o quattro girasoli che mio padre aveva in campagna. Mi procurava un piacere indescrivibile, il fatto di spaccarli coi denti, di sentire il *clic* e di gustare quel piccolo semino dal sapore intenso.

semelogia

Però, che lavoro! A pensarci ora, mi sa che era un gran bell’esercizio pro-pazienza. Adesso, che li compero già sgusciati (non ne trovo, di interi…) ne mangio molti di piú, con tutta la mano nel sacchettino… ehm… sorvoliamo. Mi sa che i semi piacciono a tutti i bambini (alla mia, di sicuro, che vivrebbe di pasta col pesto). Forse perché seguono ancora l’istinto, anche nel nutrirsi… mah! Ho trovato, in questo sito (di una scuola! Meraviglia!) un sacco di notizie interessanti sui semi oleosi.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.
Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato sul sito è semplicemente Nome e Cognome) e la password che ti abbiamo inviato con la tessera.
Se selezioni l’opzione “Ricordati di me” dovrai farlo solo la prima volta.

» Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito