Lemon curd

Qui sul pianeta pasto nudo, se la vita ci dà limoni, noi facciamo, nell’ordine: limonate, marmellate, conserve varie, tisane antibiotiche, e creme deliziose da spalmare sul pane, come questo lemon curd, ampiamente personalizzabile e veramente delizioso per chi non ama i dolci troppo sdolcinati :-)

lemoncurd

In verità vi dico che amo quasi tutti i tipi di frutta (con poche eccezioni tipo i Kiwi, bleah), ma se potessi scegliere cosa piantare nel mio giardino non esiterei: agrumi!!! Agrumi di ogni tipo, come se piovesse. Li trovo affascinanti e carnali, con quella buccia rugosa e ripiegata su se stessa, e ad esempio sono innamorata dei cedri e di quella specie di limoni che si chiamano dita di buddha, li avete mai visti? Sono stratosfericamente belli, mi ipnotizzano. Tra l’altro immagino ci si possano fare dei canditi spettacolari (e mica solo quelli… guardate qui, qui e qui.

È una vita che volevo fare questa crema inglese, che conoscevo solo in versione industriale; spopolava anni fa sulla rete, e precisamente nel 2006 (argh… *8* anni fa :-P) da Sigrid e l’anno dopo in due versioni, di cui una light, da Francesca, qui e qui. Anche la poetica Pinella ne ha fatta una versione, quella di Maurizio Santin, la trovate qui.

lemoncurd

Ho surfato un bel po’, che di ricette appunto ormai ce ne sono tante, o meglio sempre più o meno la stessa in molte varianti (guardate questa della BBC ad esempio), poi sono approdata su un lemon curd “improved” di David Lebovitz che mi è piaciuto subito, perché prevede molto meno burro e zucchero rispetto alle altre (tipo questa con 450 grammi di zucchero!); inoltre non usa amido di mais o altri addensanti, come ad esempio qui.

lemoncurd

Il Lebovitz (del quale tra parentesi dopo aver provato il pan di spezie che sapete mi fido ciecamente) spiega che tutto il procedimento, che di solito si fa a bagnomaria, si può anche fare direttamente sul fuoco se siete esperti e temerari; io ho fatto tutto a bagnomaria che non si sa mai O.O Magari la prossima volta provo eh :-P

Per il resto ho seguito tutto il suo procedimento fedelmente, con l’unica differenza rispetto alla sua ricetta che ho aggiunto pure la scorza grattata dei limoni visto che avevo dei limoni meravigliosi appena colti :-) Ho letto altrove che questa crema si può fare anche usando solo tuorli (più tuorli si mettono più viene densa) e credo (ma non garantisco verità) sia questo il motivo per cui alcune lemon curd che ho visto in giro sono decisamente più scure e hanno un aspetto più… gelatinoso.

lemoncurd

Le uova le ho usate senza pellicina, non so se voi lo fate — io lo sapete che ho tendenze ossessive — e quindi buco la pellicina, faccio uscire il rosso dell’uovo e uso quello. Pare che questo accorgimento serva a non dare alle creme quel sapore di uovo un po’ fastidioso. La togliete anche voi veroooo? Ditemi che non devo preparare sùbito la borsa per il manicomio %-P

Bòn, passo direttamente a raccontarvi la ricetta che dopo scappo a scrivere, il lunedì è giorno di lavoro intenso. Stamattina ho iniziato la giornata visionando un video di produttori altoatesini e subito dopo uno di un bellissimo mugnaio siciliano. Mi ha dato una sensazione meravigliosa, di totalità, vedere come due luoghi tanto diversi e lontani della nostra Italia siano solidamente accomunati dalla passione per ciò che si fa, e da gesti antichi recuperati e valorizzati. Ve l’ho già detto che adoro il lavoro che sto facendo? E buon inizio di settimana a tutti voi :-)

Ingredienti:
125 grammi di succo di limone
la scorza grattugiata di tre limoni piccoli
100 grammi di zucchero grezzo chiaro
85 grammi di burro felice
4 uova (2 rossi e due uova intere)
1 presa di sale

Per prima cosa prendete il vasetto destinato ad accogliere il futuro lemon curd, metteteci sopra un colino e mettetelo da parte.

Mescolate in una ciotola (o un pentolino) che possa andare a bagnomaria il succo di limone con lo zucchero, i rossi d’uovo e le due uova intere (senza pellicina, ehm) e il sale.

Aggiungete poi il burro tagliato a cubetti, mettete il tutto a bagnomaria (la pentola non dovrebbe toccare il fondo dell’altra; la mia toccava ma la fiamma era stra-bassa e avevo messo il rompifiamma) e cominciate a mescolare. Io ho usato inizialmente la frusta e poi un cucchiaio di legno. Ci vorrà una mezz’oretta circa, poi la crema comincerà ad addensarsi. Sarà pronta quando lasciandola ricadere dal cucchiaio rimarrà un… bassorilievo :-D

A questo punto passate immediatamente la crema nel colino e schiacciatela con il cucchiaio di legno per farla passare attraverso le maglie, dentro il vasetto.

Tutto qui! Potete conservarla per quattro o cinque giorni (ma finirà molto prima), ed è decisamente molto più adatta a essere spalmata sul pane che mangiata a cucchiaiate, soprattutto in questa versione con poco burro, a meno che non adoriate i sapori super limonosi. Come me :-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

7 comments

  1. MIssV2b ha detto:

    accidenti che buooooooona!!!!!
    io l’ho fatta una volta e in pochi giorni l’ho finita tutta ;))
    ho provato anche la kiwi curd ed è deliziosa, è pubblicata qui se ti interessa

  2. Alessandra ha detto:

    In mezzo a ricette dal titolo di due righe e mezza, il tuo “lemon curd” colpisce al mio cuore rapido come una freccia… l’avevo fatto un secolo fa, ma mi è tornata una voglia incredibile di rifarlo, magari proprio con la tua ricetta! ;)

  3. Eleonora ha detto:

    Ciao!scusa,ma se volessi provare a fare questa ricetta ( visto che mi hanno regalato tanti limoni profumatissimi e non trattati *-*) quando devo mettere la scorza dei limoni grattugiata?subito immagino…quindi deve essere molto fine altrimenti non passa dal colino…io la lascio sempre un pò grossolana,ma qui immagino che rovini la texture della crema se non la si riduce fine fine…
    P.S.:a proposito di “pellicina” dell’uovo (che penso sia la sacca vitellina) :quando ero piccola mia mamma mi aveva insegnato a spostare delicatamente dal tuorlo questa pellicina con la forchetta quando mi cucinava l’uovo al tegamino;anche io cerco di farlo adesso,ma non sono brava come lei e a volte (se l’uovo è freschissimo si stacca a fatica) si rompe il tuorlo…per fortuna adesso lo mangio anche se si rompe,cosa che a cinque anni non avrei mai fatto :-(

  4. Nonna Elena ha detto:

    28 gennaio 2014 ore 0,17
    Grazie, ti abbraccerei! Ho assaggiato questa ricetta 28 anni fa. me la regalò una signora, dicendomi che era una rarità inglese! Se chiudo gli occhi sento ancora quel deliziso sapore!
    Sei stata molto brava nella descrizione della ricetta,penso che la preparerò certamente,ma solo
    quando e se avrò dei limoni fantastici! Credo proprio che la ricopierò appena avrò finito di
    scriverti, direi che è stato meglio di un colpo di fortuna! Ti cercherò ancora …… ciao nonna Elena

  5. Lo adoro! Ma lo mangio sempre fatto da altri, voglio provarlo prima o poi…
    La pellicina dall’uovo non l’ho mai tolta, la prossima volta quasi quasi faccio un tentativo :-D

  6. Barbara M. ha detto:

    fatta!
    ho sostituito il burro con l’olio evo e i limoni li ho tagliati a fettine e frullati interi così com’erano. mamma mia com’è buona spalmata sul pane! temo che il barattolino non durerà a lungo comunque nei prossimi giorni voglio provare a farla con le arance dei contadini per passione :-) .

  7. Nonna Elena ha detto:

    Nonna Elena- scrive:
    30 gennaio 2014 ore 23.30
    Barbara mi sei proprio piaciuta! Penso che i limoni che hai usato siano veramente profumati, dalle mie parti si usa dire:”Se ci penso mi viene l’acqua chiara in bocca!” Ti prometto che sperimenterò anche la tua prova, così ben riuscita, e altrettanto dicasi per le arance…..trovarle..!!! Io ammiro Izn e Barbara M. addirittura l’olio evo!!!!!!Forse proprio, perchè sono una nonna, ho molta paura di sciupare gli ingedienti, quindi apprezzo molto i vostri slanci…..dovrò darmi dei comandi superiori e…. lanciarmi nelle prove! Grazie, dei
    suggerimenti e, continate così – al mondo c’è sempre da imparare!! Ciao e un bacione Nonna Elena.

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito