Moussaka e pensieri libreschi

Sono senza fiato per tutto quello che sta succedendo quest’estate; credo sia una delle più torride (dove per me “torrido” ha un senso ultrapositivo) della mia vita. Sto sentendo palpabile la forza del sostegno che tantissimi di voi mi stanno dando, come tante vocine che continuamente mi dicono “vai avanti, quello che stai facendo è importante, siamo con te”.

Ehssì che lo zac mi dice sempre di non preoccuparmi se sento le voci ma di avvertirlo subito, che il tempo di fare una telefonata e mi vengono a prendere; forse avrei dovuto dirglielo che è da quando mi ricordo di ricordare che ho ospiti a colazione, pranzo e cena :-P

Comunque più rimugino sul libro (e sul blog) e più capisco che le ricette sono il coronamento pratico (e ludico) di una teoria molto più importante che tutti voi state studiando insieme a me ormai da anni.

Abbiamo cominciato insieme, timidamente, a portarci gli occhiali in borsa e a leggere le etichette scritte in caratteri piccolissimi, e a chiedere sottovoce se il salame era stato trattato con i nitrati o con quale latte fosse fatto il formaggio, e adesso siamo pronti per sostenere conversazioni anche piuttosto complesse con le persone che ancora tante cose non le sanno e che probabilmente non vogliono credere a quello che stiamo subendo, e spiegare loro (sempre se ci viene chiesto) con cognizione di causa qual è e dove si trova il cibo veramente sano.
Perché quello che viene chiamato biologico a volte lo è sul serio e altre solo di nome (cosa che distrugge gli sforzi anche di chi lo fa seriamente e presta il fianco ai dispensatori di pareri gratuiti che ci dicono che è inutile comprare cose più costose tantosonotutteuguali).

E abbiamo scoperto tante altre cose, come la stagionalità della frutta e della verdura, quella del pesce e anche quella degli animali di allevamento. Il chilometro 0 quando si può, preferire le aziende che non sfruttano i lavoratori, e poi quei piccoli numeretti sulle uova, che ci dicono da che tipo di allevamento (o di lager) provengono (a proposito, ve l’ho detto che sono stata da Eataly a Roma, e quando ho chiesto al banco della pasta all’uovo di vedere il guscio delle uova che usavano e me l’hanno mostrato — poverini, i commessi neanche lo sapevano — c’era scritto codice 3? TRE?!!).

E la materia che stiamo studiando, lo sapete tutti, si chiama consapevolezza. Nasce dalle singole ricette e approda ad una visione della vita molto diversa e moooolto meno passiva di quella che hanno avuto le due generazioni che ci hanno preceduto. E ci regala (o dovrei dire ci appioppa) una grande responsabilità, perché se le cose uno non le sa, può continuare allegramente a sbagliare, ma quando le sai sei finito.

È per questo che per me la parte introduttiva del libro acquista sempre più importanza, e chiedo continuamente a Francesca ma ci possiamo mettere anche questo? E questo? E questo non possiamo non scriverlo!! ARGH. Purtroppo le pagine quelle sono, non è che le possiamo aumentare, che a differenza del web ogni pagina è un costo in più. Ma Tanto quel vulcano della mia amichetta neozelandese adottata sta già pensando ai prossimi, di libri :-D

Intanto (se prima il suddetto vulcano non mi manda via mail un’applicazione killer che mi fulmina al terzo dubbio amletico sull’impaginazione) pare che questo autunno mi vedrete in giro per l’Italia (e dintorni) a chiacchierare del libro con chi vorrà incontrarmi di persona (vi avvertiremo in tempo, giuroooo) e stiamo pure preparando tutte le cose ricciolo-pomodorose che ci porteremo dietro (nononono, non ve lo dico per adesso!). Vi avverto però che se farà molto freddo e dovrete cercare in un angolo un cumulo di vestiti di lana stratificati, con un occhio che spunta da un lato, e che non smette mai di chiacchierare – quella sarò io.

Per chi se lo sta chiedendo, il libro sarà pronto a metà ottobre, e da quella data cominceremo a inviare in anteprima le copie e i regalini a chi lo sta prenotando su indiegogo. Gli altri lo troveranno su Amazon e su alcune altre librerie on line che ci stanno contattando, e anche da vari produttori consapevolissimissimi, di cui vi forniremo l’elenco dettagliato e corredato pure di mappa dell’italia per capire se ce ne sono vicini a voi, ecco!

Adesso basta parlare del libro, e vi racconto questa moussaka che volevo fare da cinquant’anni (prima di nascere, infatti); che non è adattissima a temperature alte, ma per prima cosa se non la fate nei prossimi giorni quando la fate, che le melanzane mica vorrete mangiarmele in novembre, verooo? Oltretutto si mormora che il termometro subirà un calo brusco la settimana prossima, e questo piatto greco è perfetto per consolarsi della dura realtà che l’estate sta volgendo al termine e prepararsi all’autunno di cambiamenti meravigliosi e libri stupendi (ehm) che sta arrivando. E poi mi direte se non è vero.

La ricetta la vidi (molto) tempo addietro da Antonella; mi era sembrata semplice e appetitosissima, per cui l’avevo stipata (termine napoletano per “tenuta nel cassetto” e che si usa anche per “riguardarsi” quando si parla di salute) per la prima occasione. Poi l’ho rivista in una versione un po’ differente dalla mitica Giulia e ho capito che non potevo più aspettare.

Casualmente un’amica ci aveva portato un po’ di macinato di cinghiale (!), e quindi ho usato quello e non me ne sono pentita; però la morte della moussaka è sicuramente con la carne di montone, dove per montone non si intende agnello, non so se mi spiego :-)
Se non ce l’avete usate pure manzo, maiale, o anche coniglio o pollo, tanto qui siamo per mescolare e sperimentare. Tutto va bene, basta che non vi facciate togliere il grasso in modo maniacale (avete mai visto quella gente che scruta le vaschette al supermercato per scegliere la carne senza una venatura che sia una? Ma perché?!!).

Se le patate e le melanzane preferite non friggerle grigliate pure tutto e chi s’è visto s’è visto. Per il formaggio io ho usato il Branzi che avete visto qui, ma se usate il montone userei sicuramente un buon pecorino, altrimenti potete ometterlo come ha fatto Giulia.

Per la besciamella mi sa che ci facciamo uscire un post dedicato che sbatterò nelle basi, ché ho una variante mooolto interessante di un certo chef che *oggi* si sposa (potevo dirlo, vero, chef? ehm) e quindi non ce la potrà raccontare di persona. Avrei anche una besciamella mutuata dalla bioterapia nutrizionale per chi ha problemi a digerirla, e una sperimentale senza latte che piace anche allo zac che di solito non ama le cose spurie. Intanto se volete provare subito la moussaka fate la besciamella che vi piace di più (basta che la fate in casa, mica devo dirvelo, no?), poi questione di un paio di giorni e preparo il post.

Ingredienti:
2 patate medie (400 grammi circa)
quattro melanzane grandine
500 grammi di carne tritata di cinghiale
mezzo litro di besciamella fatta in casa
1 cipolla grande
1 spicchio d’aglio
un bicchiere di vino rosso
un mazzetto di prezzemolo
mazzo chilo di pomodori maturi
un cucchiaino di polvere di cannella
sale marino integrale
pepe nero in grani
250 grammi di formaggio branzi
una presa di noce moscata
due tuorli

Grattugiate il formaggio e mettetelo da parte. Lavate e sbucciate le patate e affettatele a fette di mezzo centimetro di spessore. Bollitele per cinque minuti e poi lasciatele asciugare su un canovaccio pulito.

Affettate anche le melanzane nel senso della lunghezza allo spessore di mezzo centimetro, cospargetele con un po’ di sale e lasciatele spurgare il liquido per una mezz’oretta. Poi scolatele e asciugatele.

Praticate una croce con il coltello sulla parte superiore dei pomodori e metteteli in acqua bollente per un minuto. Lasciateli intiepidire, spellateli, tagliateli a pezzetti e metteteli in una ciotola. Friggete le fette di patate e quelle di melanzana e mettetele sulla carta del pane perché assorba l’olio in eccesso.

Coprite d’olio il fondo di una padella capiente, affettate finemente la cipolla tagliandola prima a metà e poi a mezzelune, tritate l’aglio, e mettete entrambi ad appassire a fuoco basso coprendo con un coperchio.

Quando tutta l’acqua della cipolla sarà evaporata e la cipolla avrà un colore trasparente e dorato e tenderà ad attaccarsi leggermente al fondo della padella, alzate la fiamma e aggiungete la carne tritata. Appena il liquido della carne sarà evaporato sfumate con il vino e aggiungete i pomodori e la cannella.

Salate, pepate e lasciate cuocere a fiamma bassa fino a quando il sugo e la carne non tenderanno ad attaccarsi al fondo della padella e saranno rosolati. A fine cottura aggiungete il prezzemolo tritato.

Preparate la besciamella,e quando sarà pronta toglietela dal fuoco e aggiungeteci due tuorli d’uovo e due cucchiai di formaggio grattugiato. Preriscaldate il forno a 180°C.

Oliate una teglia di ceramica e cominciate a comporre la Moussaka. Per prima cosa fate uno strato di patate, subito sopra uno di melanzane, salate e pepate, poi aggiungete uno strato di sugo con la carne e poi una spolverata di formaggio grattugiato. Ricominciate con uno strato di melanzane, salate e pepate e poi subito sopra aggiungete un altro strato di sugo con la carne, e poi sopra ancora uno (se volete potete anche fermarvi al secondo).

Terminate con uno strato di melanzane, salate e pepate, ricoprite con la besciamella, spolverate con abbondante formaggio grattugiato e infornate per una cinquantina di minuti.

Bentornati a tutti! :-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

18 comments

  1. Enrica ha detto:

    fra i produttori consapevoli della mia zona (produttore e distributore) mi farebbe piacere segnalarvi la Farnia di Rolo RE, zona terremotati d’emilia. fra l’altro organizzano cose meravigliose oltre ad essere qui da noi da anni un punto davvero importante! chissà che non riesca ad incontrarti laggiù!
    hai tutto il nostro sostegno!!!

  2. Rosella ha detto:

    Stavo giusto pensando stamattina che tra libro ( non vedo l’ora che arrivi!!!), chef (bravissimo e premuroso!!!), il caldo e chi più ne ha più ne metta, mi mancava “la” ricetta. Adoro il moussaka, anche se da vegetariana è molto tempo che non lo mangio più. Ma lo preparerò lo stesso per il resto della famiglia. O lo modificherò usando altre verdure al posto della carne. Grazie

  3. izn ha detto:

    @Enrica: Molto interessante, vado a cercare il sito, ce l’hanno? In Emilia ancora non abbiamo date… mi sa che riceverai una mail da Francesca, che dici? :-)

    @Rosella: Sai che mi sto mangiando le mani? Volevo appunto inserire una variante per i vegetariani, io avevo pensato ai funghi, che ne pensi? Ho sempre pensato che sono molto simili alla carne come consistenza. Non so bene vederci l’accoppiamento con le melanzane, perché da noi funghi e melanzane non crescono nello stesso periodo… o sì? :-P

  4. Rosella ha detto:

    Ottima idea i funghi… Perchè si dice “la” e non “il” moussaka? In fondo è un pasticcio, o no?

  5. Jennifer ha detto:

    @izn e rossella:infatti è IL moussaka ;-) me l’ha spifferato una greca :-)
    Se anch’io non fossi vegetariana ne farei una scorpacciata,ma ahimè,non è più pietanza x me…anche se,l’anno scorso a Kalymnos l’ho mangiato in versione vegetariana ed ha cmq il suo perchè ;-) …morissi se son riuscita a capire cosa ci fosse al posto della carne :-( ,ma magari i fiocchi di soia potrebbero fare al caso ;-) che ne dici Rossella?Si usano x fare il ragù vegetariano (io xò non uso soia sotto nessuna forma…non mi va)
    Baci a tuttiiiiiiiiii!!!!!

  6. Agnese ha detto:

    Il moussaka, che cosa divina!
    Fra le vocine che fanno il tifo per te ci sono anch’io ;)

    Buona giornata!

    A.

  7. Rosella ha detto:

    Scusate, non vorrei passare per saccente, era proprio solo una domanda…

  8. marta ha detto:

    ah..la moussaka! Sono appena rientrata dalla Grecia e già mi manca!
    Complimenti per il libro…è una bella emozione!

  9. salamander ha detto:

    questo è un segno!!!! giusto ieri mi ero fissata nel voler fare una cena greca dove il piatto principale sarebbe stata appunto la moussaka!!!!!
    ps: complimenti per il libro!

  10. claudia ha detto:

    No, che non dicano che sul pastonudo non ci sono ricette robuste, eh? Qui abbiamo proprio tutto tutto: carne, uova, latte, burro, formaggio, patate, farina…in confronto le lasagne son digestivamente parlando delle dilettanti ! ahahahahah (magari non sembra, ma e’ un complimento: con sta cosa della bioterapia che non mescola iniziavo a preoccuparmi! Meno male che hai concentrato in una ricetta tutte le proteine animali disponibili sul mercato….ah, nooo…manca il pesce!!) :-DDDDD
    PS: qui fanno una versione del cottage pie con le lenticchie marroni al posto della carne tritata, e non e’ davvero male. Ma l’ unione lenticchie – melanzane la vedo durissima

  11. claudia ha detto:

    N.V. (Nota Vegetariana): la Nigella la fa coi fagioli. Mi rifiuto di mettere il link alla ricetta, visto che usa fagioli in scatola ed una “salsa di formaggio gia’ pronta (ma davvero e’ famosa, questa? ;-))

    Qui con le lenticchie e anche Jamie Oliver, lenticchie; qui ceci (e fagioli di soia “assieme”).

    Comunque, scusate il lieve off topic (ma lieve, solo perche’ mancano le patate), ma per me la palma senza carne va a questa versione sarda con il ragu’ di lenticchie ed il pane carasau. Divina, la voglio. :-DDD

  12. Rosella ha detto:

    Mah, ai ceci avevo pensato anch’io. Tra l’altro ho quelli buoni, buoni di Sonia. si può sempre provare,no? :-)

  13. silvia.moglie ha detto:

    vediamo di mettere date in Romagna ok? che il posto, i posti son molteplici …su, su!

  14. claudia ha detto:

    @Silvia: tu che sei sempre in giro a sagre e balle di fieno e spettacoli cosi’…trova un aia di quelle belle dalle tue parti! :-))

  15. Enrica ha detto:

    @izn
    sicuramente a quest’ora il sito te lo sei bell’e trovato, mi dispiace ma non ho intenet a casa ora!
    io appena ci capito gli parlo di te e del pastonudo, promesso!
    aspetto mail di Francesca

  16. soniuccia68 ha detto:

    Però che ricettina sostanziosa… mi tirerebbe su ora che ne ho bisogno..sigh sigh
    credo che Jennifer abbia ragione, con i fiocchi soja viene un ottimo ragù, garantisco.
    si prova vai

  17. Manuela ha detto:

    Splendida!Avevo una voglia di moussaka da tempo ormai,dovrò rimediare!:)

  18. irene ha detto:

    abbiamo la stessa teglia; quelle verdolina:) il moussakas è buono, si vede, hai messo anche le patate, infatti tanti le mettono ormai. ma permettimi di dissentire sul fatto che non è adatto a temperature alte; alla sua patria si mangia proprio con le temperature alte che sono poi quelle delle melanzane.

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito