Roccocò rulez

Al tavolino della cucina di mio fratello, immersa nella mia amata/odiata Napoli, vi racconto (durante le feste di Natale, e pure di domenica!!!) un dolce antico e molto partenopeo, immancabile durante le feste di Natale della mia infanzia — farcite di nonni, zii e cugini — e indizio inequivocabile della festa che noi teneri (più o meno) virgulti preferivamo.

roccocò napoletani ricetta

Se c’erano i roccocò c’era il Natale, si andava a letto quasi all’alba e distrutti, e si stava a tavola tantissimissimo tempo. Quest’ultima usanza l’ho un po’ abbandonata: non ce la faccio proprio a star ferma più di una mezz’oretta. Però il cibo no, quello è rimasto nelle mie radici.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.
Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato sul sito è semplicemente Nome e Cognome) e la password che ti abbiamo inviato con la tessera.
Se selezioni l’opzione “Ricordati di me” dovrai farlo solo la prima volta.

» Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito