Cake alle mandorle e al cardamomo

Non so quanti ciambelloni ho provato per la colazione, e conoscendomi potete ben capire quanto il primo pasto della giornata sia importante per me! Ecco perché ho risposto subito alla richiesta di Cleofe, la capisco perfettamente.

cake alle mandorle semplicissimo

Fino a quando ho provato questa ricetta non avevo mai ottenuto il cake perfetto, quello che deve riuscire sempre, che si mantiene fresco per due o tre giorni, che ha il rapporto perfetto morbidezza-croccantezza-umidità, che puoi mangiare col caffè o con un bicchiere di latte, suscettibile di modifiche di vari tipi senza scomporsi troppo, e, nonostante tutto questo, veloce da fare.

Finalmente dopo mesi di ricerca ho trovato e (credo) modificato una ricetta ottima. Purtroppo all’epoca il mio blog ancora non era neanche in progetto, e ancora non segnavo le fonti, quindi non ricordo proprio dove l’ho presa; se qualcuno dovesse riconoscere la sua ricetta metterò immediatamente il link e lo coprirò di elogi (eccola! me l’ha trovata Laura.lau, originariamente era una torta ai pistacchi, datata 2005, della mitica Sigrid!) perché questo per me è sicuramente IL cake, quello definitivo. Tra l’altro il fatto che siano previste le mandorle me lo fa amare ancora di più :-)

torta semplice alle mandorle

Il cardamomo lo conoscete già perché ne ho parlato qui; dà al cake un aroma stupendo e la cucina si riempie di un profumo buonissimo; però se non ce l’avete metteteci la buccia grattugiata di un limone (bio), o la vaniglia, o la cannella, e se volete potete sostituire la farina di mandorle con farina di nocciole o di noci, insomma fate un po’ di prove.
Io ho usato quello senza fosfati, con cui mi trovo benissimo perché si può usare anche con il salato; ha il vantaggio di non lasciare quel sapore di lievito chimico (soprattutto quando “qualcuno” mangia l’impasto crudo che rimane nella ciotola) :-P

Vi lascio un paio di link sullo zucchero bianco e sul perché sarebbe molto meglio evitarlo; qui e qui; i toni sono un po’ apocalittici, ma sospetto sia dovuto al fatto che la gente si sente tradita quando scopre questo tipo di cose, e si chiede per quale diavolo di motivo nessuno gliele abbia dette prima.

torta velocissima alle mandorle

Quindi leggete, respirate, e togliete il 30 per cento di quello che c’è scritto – la parte arrabbiata. Io per adesso sto usando quello grezzo ma chiaro, che non dà sapore di melassa alle bevande e alle cose che cucino. Non so se sia una soluzione ottimale; credo comunque che cercherò di migrare verso qualcosa di più integrale.

Ingredienti:
180 grammi di zucchero grezzo
180 grammi di farina 00
150 grammi di farina di mandorle
150 grammi di burro
150 grammi di latte intero
3 uova
1 bustina di lievito in polvere
1 cucchiaino di cardamomo macinato

Preriscaldate il forno a 180°C.
Imburrate e infarinate uno stampo da plum cake.

Mescolate la farina di mandorle con il cardamomo, il burro fuso e intiepidito, la farina e lo zucchero, poi aggiungete le uova intere a temperatura ambiente, una alla volta, il latte e per ultimo il lievito in polvere; mescolate bene. Versate il composto nella teglia. Livellate la superficie e infornate per 45 minuti finché la superficie non diventa dorata.

Cleofe, aspetto notizie, eh!

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

41 comments

  1. pagnottella ha detto:

    E te pareva!!! CHE BUONOOOOOOOOO!!!
    Ma il cardamomo che sapore ha?
    Baci ciccinella!

  2. pagnottella ha detto:

    Uhhhh anch’io…anch’io uso quello zucchero!!!…

  3. LO ha detto:

    mmmmmm il cardmomo che buono….sono con te contro lo zucchero bianco…io uso solo canna integrale e miele…e cos’ provando i vari zuccheri scopri che gusto particolare danno all’impasto ognuno con la sua caratteristica!un bacione

  4. Mary ha detto:

    izn, lo so che sono esagerata, però io uso il malto, perchè questo oltre che da saccarosio è formato da zuccheri più complessi, più simili ai carboidrati. invece lo zucchero, anche quello di canna integrale, è comunque formato solo da saccarosio, un disaccaride, cioè formato da 2 molecole, una di glucosio e una di fruttosio, quindi una catena cortissima, al contrario dei carboidrati che sono formati da catene molto complesse e lunghe di monosaccaridi come glucosio, fruttosio e altri. il fatto che la molecola di saccarosio sia così corta fa sì che venga degradata molto velocemente dall’organismo, causando un picco di iperglicemia, lasciando dopo un “vuoto energetico”, è tipico di chi prende la bustina di zucchero quando ha un calo di zuccheri e dopo è più debole di prima. invece quando si assumono zuccheri complessi come i carboidrati, l’organismo stacca una molecola di glucosio (o fruttosio) alla volta, fornendo così energia in modo continuo e graduale.
    so di dire cose un po’ “forti”, ma in occidente l’uso di zucchero è ormai smodato e viene inserito in ogni genere di alimento, provate a leggere gli ingredienti… anche trovare alimenti bio senza zucchero a volte non è semplice…

  5. monique ha detto:

    bono!! me lo devo segnare per il post-dieta..adesso proprio non posso concedermi nulla nulla..sigh!

  6. izn ha detto:

    @pagnottella: il cardamomo è abbastanza indescrivibile… sa proprio di cardamomo! ricorda lontanamente il limone, ma sa anche lontanamente di incenso… è difficile da descriverlo, devi provarlo! Si mette anche nella polverina del caffè per fare il caffè al cardamomo, che ha un sapore buonissimo.

    @LO: sono assolutamente d’accordo con te, è bello cambiare spesso i sapori e adattarli di volta in volta a quello che si mangia :-)

    @mary: ma lo sai che io ci avevo provato a usare il malto, di tutti i tipi, di riso, d’orzo, di grano, ma mi dava sempre fastidio il sapore che lasciava negli alimenti. adesso ho scoperto che esiste il malto di mandorla, vorrei provarlo, visto che le mandorle mi piacciono tanto magari il sapore non mi darà fastidio.
    Ma hai visto questo concentrato di dattero? Come sarà?
    Comunque sono d’accordo con tutto quello che dici, ma ancora non riesco a eliminare lo zucchero, sono troppo troppo golosa. uff… :-(

    @monique: ma una fettina piccola piccola piccola??

  7. Giò ha detto:

    @izn e mary: anch’io cerco di eliminare il più possibile lo zucchero bianco: per un periodo della mia vita ho eliminato completamente ogni zucchero, usavo solo il miele, che però alle alte temperature perde tutte le sue proprietà! adesso uso il malto e lo zucchero integrale di canna appena posso e cerco comunque di limitarlo nelle ricette, ma ogni tanto “bisogna” sgarrare! e quindi un bel dolce con tutti i crismi si concede a tutti! lo zucchero di canna integrale ha un sapore bello deciso, bisogna saperlo utilizzare bene, in alcuni dolci non va proprio, con il malto invece devo ancora regolarmi bene con le dosi…comunque il dolce mi piace molto e si presta a molte varianti!

  8. FrancescaV ha detto:

    carissima, le tue ricette sono sempre bellissime, ma questo cake mi ha letteralmente rapita! Ci sono le mandorle, che io adoro, e c’è il cardamomo, la mia spezia preferita. Che altro aggiungere: non mi resta che provare e sperimentare anche nuove combinazioni. Ti farò sapere :-P

    p.s. ci sentiamo dopo cara!

  9. Raquetita ha detto:

    mmmmm…il cardamomo!! che buono!! il cardamomo è (insieme al chiodo di garofano e la cannella) la base della cucina indiana, sia nei curry, i risi e tutti i dolci….
    ogni volta che sento il sapore del cardamomo, mi sembra di mangaire indiano vegetariano…sano.

  10. roberta69 ha detto:

    @ izn : dove si acquista il cardamomo e in che forma ?

  11. izn ha detto:

    @Giò: Sai che questo fatto che il miele perde le proprietà alle alte temperature l’ho scoperto da pochissimo? Io lo usavo sempre nel tè bollente! ufff… qua bisogna essere dei pozzi di scienza, quando ti sembra di sapere qualcosa non sai nulla :-(

    @francescav: grazie tesoro, e non sai il sapore!!! anche tu adori le mandorle? sono la mia passione :-) p.s. sono su skype che ti aspetto!

    @raquetita: hai ragione :-D voglio sperimentare tante ricette indiane, adoro la loro cucina, bevande comprese. Oggi ho visto sul gambero rosso channel un contest di cucina con una cuoca indiana che ha fatto dei piatti da sogno… il dolce in particolare mi ha ipnotizzata. Ero pietrificata davanti al video, in trace, con la bimba che mi strattonava e mi diceva “mamma… mamma… mamma…” (n volte)

    @roberta: allora, io lo compro nei negozi bio, ma lo trovi anche on line qui e lo puoi vedere qui, in tutto il suo splendore in forma di bacche; in quest’altra foto invece puoi vedere che la buccetta va tolta, si prendono i semini all’interno e si macinano. Appena macinati il profumo è assolutamente meraviglioso…

  12. Laura.lau ha detto:

    Cara izn, dove comperi la farina di mandorle? In piu´ con la sicurezza, o la speranza, che sia fresca?

  13. Giò ha detto:

    @izn. io ormai non riesco più a bere nè tè nè caffè zuccherati, dopo il famoso periodo di astensione dallo zucchero! cmq in certe preparazioni uso lo stesso il miele, vorrei provarlo nei dolci freddi ma mi devo documentare, ho letto da qualche parte una ricetta di un pasticcere famoso che spiegava come utilizzarlo al meglio, ma non mi ricordo dove…..

  14. izn ha detto:

    @laura.lau: io la compro da naturasì, vado sempre dallo stesso, guardo bene la data di scadenza e sono abbastanza sicura che sia fresca perché ne compro talmente tanta che devono per forza rifare l’ordine spesso! :-)
    Comunque in rete l’ho trovata qui, da Tibiona, ma non è la stessa che uso io. Comunque tutti consigliano di farsela da soli per mantenere l’aroma; tra l’altro devo anche capire se costa di meno, visto che le mandorle sono a peso d’oro :-(

    @Giò: ma quanto deve durare l’astensione? Mica lo so se io ci riuscirei… ti ha fatto bene? Anche la bioterapia nutrizionale è molto severa riguardo ai dolci :-( ma io sono golosaaaa! SIGH. Se ritrovi la ricetta mi interesserebbe molto…

  15. Laura.lau ha detto:

    grazie izn!
    – per macinare le mandorle e ridurle a farina ci vuole qualcosa tipo macinacaffé oppure secondo te i moderni robot le macinano bene?
    – quanto al tema “zucchero” io non amo il saccarosio in quanto oltre a non essere sano non mi piace come sapore che trovo sia troppo forte che copra gli altri sapori. Probabilmente la migliore soluzione che io abbia provato quanto a sapore è lo zucchero che hai usato tu. Se si vuole guardare all’indice glicemico, hai mai provato il succo d’agave? Ha un sapore piuttosto neutro ed un indice glicemico bassissimo. Purtroppo costa abbastanza e zucchera poco per cui per fare un dolce bisogna usarne un po’.
    – ti devo poi confessare che non ho resistito e stasera ho preparato il cake. Ero fierissima perché era lievitato benissimo ed era proprio bello. Sennonché passato il tempo di cottura ho spento il forno e l’ho aperto perché il cake non si seccasse troppo: terribile! Il cake si è miserevolmente afflosciato e addio trofeo! Ti chiedo allora un consiglio, da inesperta: devo lasciare il cake raffreddarsi in forno? Non rischio appunto che venga troppo secco?
    – ti chiedevi dove potevi aver visto la ricetta: in realtà mi ricorda molto una torta di Sigrid alias cavoletto di bruxelles che però prevedeva i pistacchi anziché le mandorle. Devo dire comunque che la preferisco con le mandorle (io ho messo delle mandorle tostate tritate perché avevo quelle) nonostante che i pistacchi siano la mia passione.

  16. Giò ha detto:

    in realtà ci sono arrivata gradualmente, da anni avevo drasticamente ridotto l’utilizzo di zuccheri causa dieta affibbiata a mio padre a fortissimo rischio diabete e avendo entrambi i nonni paterni e materni diabetici mi ero impegnata a mangiare dolci solo la domenica. poi ho letto questo libro “Dolci al Naturale di Marta Fischer” e mi sono super allarmata, se in più ci metti una zia macrobiotica…ho eliminato lo zucchero per circa 3 mesi usavo solo il miele nei dolci..poi è arrivata l’estate con i gelati…adesso non sono più così brava, sono golosa di dolci ma riesco a limitarmi al weekend.

  17. soniuccia68 ha detto:

    Fantastico! Ho comprato della farina di mandorle bio senza avere di preciso un’idea, gli altri ingredienti ce l’ho tutti, lo faccio oggi stesso.
    Adoro il cardamomo, grazie IZN mi hai letto nel pensiero!
    BRAVISSIMA, lo zucchero bianco è un veleno puro.Io sono anni che non lo uso più e tutto viene benissimo.

  18. astrofiammante ha detto:

    scusate…ma lo zucchero di canna e lo zucchero integrale sono la stessa cosa?
    izn..complimentoni, a vederlo è già una goduria, bacio!!

  19. pagnottella ha detto:

    Ciao astro…Lo zucchero di canna può essere cristallino o integrale, Lo zucchero integrale si ottiene dalla sola spremitura della canna Nel caso invece dello zucchero cristallino, il succo di canna viene raffinato (per quanto riguarda lo zucchero equo senza l’utilizzo di calce sbiancante) mantenendo però delle tracce di melassa che gli donano quel colore dorato.
    L’ho letto qui: http://www.equobio.it/schede/zucchero.html
    Baci.

  20. Raquetita ha detto:

    cara izn, io adoro l’india. uno dei miei fratelli ci abbita da un po’ di anni. e quando vado a farle visita… non voglio più andarmene … dà un’occhiata a questo sito di cucina indiana…è in inglese..ma penso non abbia problemi…il cuoco è fantastico e soprattutto è un vero indiano del sud dell’india…che è la zona che io conosco bene…penso che ti piacerà.
    http://72.3.253.187/vahrehvah/
    baci

  21. izn ha detto:

    @laura.lau: sai che la tua domanda mi ha fatto venire un grande dubbio? Cioè, tutte le volte che ho trovato la farina di mandorle in rete vedo che c’è scritto “criomacinata” quindi immagino sia importantissimo macinarle senza che si scaldino. Quindi il metodo migliore è sicuramente quello che scalda meno, forse il macinino a mano è una buona soluzione. E comunque a questo punto mi sa che se ce la maciniamo da sole conviene farlo in piccole quantità da consumare subito. Ho paura che il robot scaldi troppo, forse facendolo andare per pochi secondi, poi fermandosi e poi ricominciando… :-/

    Il succo d’agave l’ho provato e lo trovo perfetto, l’unico che non fa cambiare il gusto delle cose, solo che è veramente troppo troppo costoso. lo vendono in quelle bottigliette microscopiche, e capisco perché!

    Per quanto riguarda il cake, anzitutto sei un genio, perché la ricetta era proprio quella!! adesso cambio il post e inserisco subito l’autrice :-) Poi però non capisco come mai ti si sia afflosciato. Intanto dopo mezz’ora di forno bisognerebbe provare ad aprire e infilare un coltello per vedere se dentro è asciutto, ma il cake a quel punto non dovrebbe assolutamente scendere. Assolutamente va tirato fuori dal forno, altrimenti continua a cuocere… mi sa che doveva solo cuocere di più, la prossima volta aspetta altri 5 minuti e poi fai la prova coltello, molto velocemente.
    per fare più velocemente puoi anche provare a dargli una toccatina veloce con le dita per sentire se sotto è liquido o denso.
    Ma era cotto dentro? o ancora liquido? e il sapore com’era?

    @Giò: ma perché leggendo quel libro ti sei allarmata? che dice? Comunque hai fatto benissimo, anch’io cercherò piano piano di diminuire sempre di più i dolci. Il fatto è che li adoro… uff…

    @soniuccia68: fammi sapere come viene! telepatia…

    @astrofiammante: grazie!!! e non sai a mangiarlo… devi provarlo :-P

    @pagnottella: grazie tesoro della segnalazione! Molto interessante, me lo vado a leggere subito anch’io.

    @raquetita: ho fatto un salto sul sito che mi hai segnalato, ma più che un salto mi sa che ci devo fare un giro di un mese, tipo alice nel paese delle meraviglie… ci sono anche i video!!!! grazie tesoro, me lo guarderò ben bene e… applicherò!

  22. Mary ha detto:

    izn, di solito cerco di preparare pochi dolci, così elimino il problema dello zucchero, poi alcuni dolci vengono bene anche con il malto, per esempio mousse o budini. Anche alcune torte vengono bene con il malto, soprattutto quelle con un sapore deciso che copre il sapore del malto, per esempio le torte al cioccolato… Anche nell’impasto della pasta frolla il malto è perfetto, forse perchè non deve essere tanto dolce.
    Il malto di riso poi non ha un sapore molto intenso (soprattutto quello di riso al 100%) e per i dolci io mi trovo bene.
    Uso lo zucchero solo quando non posso farne a meno (molto raramente) e ormai mi sono abituata a bere the e caffè d’orzo senza dolcificarli e adesso alcuni dolci molto zuccherati mi sembrano immangiabili! Dopo un po’ il gusto si abitua a un sapore dolce più delicato.
    Purtroppo anche il miele è formato da fruttosio e glucosio (zuccheri semplici, sono monosaccaridi) e quindi il suo uso andrebbe limitato, lo so, è una notizia drammatica!

  23. cleofe ha detto:

    ….IZN..ciao, vorrei cimentarmi nel cake, domandina::::::quando parli di lievito …..una bustina….di solito una bustina è per mezzo kg. di farina……. dopo l’ultima esperienza del cremor tartaro che ho usato per il ciambellone ,”Le galline di Palombara ringraziano”non vorrei fare la seconda…. allora ho comperato delle bustine al bio della Sekova ,Backhupf a base di glucone delta lattone ottenuto dalla fermentazione dello zucchero d’uva+ bicarbonato+farina di mais.
    lo conosci?
    non vorrei buttare ancora….. ma la farina di mandorle 250gr 6 euro ???
    spero di leggerti presto ..ho già acceso il forno……..ciao grazie

  24. izn ha detto:

    @mary: piano piano proverò a fare qualche mousse o un budino con il malto per vedere com’è… anche qualcosa con il cioccolato, giusto. È quel retrogusto strano che non amo molto… ma tu l’hai provato il malto di mandorle? magari il sapore è diverso… Uff.. anche il miele… SIGH.

    @cleofe: eccomi, eccomiiiiii! sono proprio quelle che uso io! io mi ci trovo benissimo, ne uso una bustina intera per questo dolce, è fantastico perché non lascia il retrogusto di lievito.
    la farina di mandorle… lo so… è una tragedia. Hai guardato quegli indirizzi che ho dato a Laura.lau? comunque mi sa che conviene farsela da sole :-(

  25. cleofe ha detto:

    ..izn…grazie………ecco l’ho infornato adesso…….c’e’ un odore per tutta casa di cardamomo, ho preparato tutto con il bimby, anche perchè il cardamomo l’ho dovuto pestare, non avendo un macinino cosi’ piccolo ma avendolo mischiato allo zucchero grezzo ,ho dato loro una mescolata a vel turbo per pochissimi secondi…..poi ho aggiunto tutto il resto….ciao ti faro’ sapere…..fai le ciambelle di roberta sono incredibilmente favolose!!!!!!!!!! calde pero’.come si suol dire cotte e mangiate..!!!!

  26. Raquetita ha detto:

    izn: ero sicura che ti sarebbe piaciuto… Sanjay il cuocco è davvero fantastico, … uno spasso nei video! Ti confesso che neanche io sono ancora riuscita a vedere tutto il sito, ma per le ricette che ho visto, devo dire che sono giuste… buon divertimento!
    Baciotti!!

  27. cleofe ha detto:

    …IZN..cake ..ottimo… avevo amici a cena…figurone!!!!!!! grazie e brava

  28. izn ha detto:

    @cleofe: eh eh! lo sapevo! Ma te ne è rimasto un po’ per colazione vero? Vero che il cardamomo ha un profumo meraviglioso? Certo che le faccio le ciambelle! le faccio le faccio!

    @raquetita: Per adesso mi sono registrata, ma ancora non ho visto un video… quale mi consigli? c’è l’imbarazzo della scelta, non so da dove cominciare!

  29. Raquetita ha detto:

    Ciao Cara!…guarda, non saprei dirti da dove. io ho cominciato dagli antipastini e snacks (anche perché sono queli che in India mangi per strada) e poi qualche piatto vegetariano puro. Sai io sono stata un po’ nel sud dell’india e lì sono strettamente vegetariani..quindi i piatti li conosco di prima mano… confesso però che non ho provato a fare nessuna delle ricette di Sanjay. Prova il ‘pani poori’… è uno snack divertente di Mumbay.
    Più tardi ti scriverò sul post del pane, ho dei dubbi!!!

  30. izn ha detto:

    @raquetita: che buoni gli snack per strada… anche a napoli ero abituata a mangiare quando uscivo :-( pensa che mio papà mi raccontava che quando lui era piccolo sul lungomare a napoli durante l’inverno c’erano i pescatori che si mettevano seduti accanto a un calderone che bolliva, pieno di brodo di piovra (loro chiamano così il polipo grande), e si poteva comprare una tazza di brodo fumante con un pezzettino di polipo.
    La piovra veniva usata come una gomma da masticare, perché era gommosa e durissima!
    Vado sicuramente a guardare il pani poori!
    ps: ti ho risposto sul post del pane con la pasta madre invece che su quello della pasta madre :-P

  31. Rosmarina ha detto:

    Ci vedrei bene delle albicocche ^_^ Che ne dici?
    Mi piace molto il tuo blog
    (ros)marina

  32. izn ha detto:

    @rosmarina: grazie cara! anche il tuo blog è molto bello, e credo che tornerò a dare uno sguardo più approfondito a quelle paste di mandorla con fiori d’arancio e lavanda… mi ispirano moltissimo :-P Non avevo pensato alle albicocche, ne ho giusto un cestino che mi ha portato la mia vicina, colte fresche fresche dal suo albero…

  33. richieste ha detto:

    Wow mi e’ venuta l’ acquolina in bocca!
    e sono solo le 6!

  34. laura ha detto:

    che buono! ieri l’ho fatto. ho usato le nocciole,avevo in casa della farina di nocciole. il mio nipotino di 2 anni e mezzo l’ha apprezzata e sono felicissima! baci -Laura-

  35. izn ha detto:

    @laura: sono felice io che sia piaciuta al piccolo scoiattolino :-)

  36. […] preso come ricetta base quella del cake alle mandorle di IZN, ed ho cominciato a sperimentare le mie varianti. Vi propongo quella del cake alle nocciole […]

  37. anna ha detto:

    Sono giá diverse volte che preparo questo delizioso dolce, per avere qualcosa da dare ai ragazzi per merenda e per la mattina. Questa volta ho sostituito le mandorle con la farina di cocco. Na meraviglia……boono. Grazie izn per queste belle idee che ci dai. Se prima adattavo quello che avevo nel frigo e in casa con le ricette prese da Internet adesso faccio il contrario, prima controllo le tue belle idee poi mi adeguo. Baci baci.

  38. izn ha detto:

    @anna: farina di cocco! geniale! lo provoooooo! :-)

  39. La Sissa ha detto:

    Cara Izn,
    Complimenti per il blog ed i tuoi contenuti!
    Ho preso spunto da questa ricetta per una torta alla quale ho aggiunto delle more: è venuta strepitosa! Ho fatto delle piccole modifiche a causa dell’intolleranza ai latticini.
    Se qualcuno con lo stesso problema fosse interessato, ci ho dedicato un post!
    Ciao e a presto!
    Sissa

  40. annamaria ha detto:

    ciao sono Anna, volevo chiederti se le mandorle le posso passare al frullatore con la loro pellicina per ottenere farina. Di solito faccio cosi’ anche quando faccio la caprese. Grazie

  41. Stenildo ha detto:

    Non riesco a leggere i link. Me li potresti mandare o sistemarli sul sito….grazie

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito