Cake allo yogurt e all’olio di sesamo

Non c’è niente da fare, io sono golosa, golosissima, e ho l’atroce sospetto che in me la golosità sia legata a doppio filo con la curiosità, perché ogni volta che adocchio qualcosa che non ho mai provato devo assolutamente mangiarlo.

cakeyogurteoliodisesamo Cake allo yogurt e allolio di sesamo

Ovviamente questo vale non solo per i piatti completamente nuovi oppure quelli magari etnici o comunque non italiani che non ho mai provato prima, ma anche per qualsiasi preparazione che si discosti anche leggermente da quelle che conosco.
È come se nell’apparato gustativo, che immagino si trovi da qualche parte nel mio cervello (accanto al piccolo neurone solitario), ci fosse una gigantesca stanza upgradabile all’infinito, dove conservo (non gelosamente) la mia collezione di sapori, e i gusti nuovi vincono sempre su qualsiasi piatto già provato, anche se è il più stupendo e appetitoso del mondo.

So che non c’è bisogno di precisarlo, ma ovviamente sto parlando sempre di preparazioni che siano preparate con cibi biologici o comunque sui quali non ci siano stati interventi umani stupidi o disastrosi, come la spolverata di pesticidi e nitrati o la mescolata di emulsionanti, conservanti, coloranti e via dicendo.

Ogni volta che un nostro amico va all’estero, soprattutto se ci va per un lungo periodo, magari per lavoro (non so perché ma quasi tutti i miei amici – conosciuti prima che esistesse la rete, quindi in tempi non sospetti – sono sparsi per il mondo), la prima cosa che chiedo è cosa ha mangiato, com’era fatta la frutta, i dolci, le verdure, il modo di cucinare, e le foto che veramente mi interessano sono sempre quelle del cibo.
È solo che il cibo è vivo, contiene la luce che ha assorbito, il tempo che ha vissuto, le impressioni che ha provato, trasmette se è stato maltrattato, amato, annaffiato o ha sofferto la sete, parla delle tradizioni, della gente del posto, ti racconta tante cose, cose che non è facile raccontare, che magari sfuggono alla vista e al cuore.

E va bene (sospiro), fine dell’ode al cibo, tutto questo per presentarvi questo bellissimo cake, che ho attinto dal solito cavoletto, che in questo caso voleva riprodurre in casa il famigerato plum cake del Mulino Bianco, e per il quale ho utilizzato per la prima volta l’olio di sesamo (ovviamente biologico, spremuto a freddo e con tutti i crismi), e che ovviamente mi è piaciuto tantissimo, perché l’aroma del sesamo lo rendeva un dolce *diverso* e quindi per me dal fascino irresistibile.
E certo che se volete provarlo anche voi vi deve piacere il sesamo, altrimenti utilizzate tranquillamente un qualsiasi olio di semi, basta che sia biologico, e se non mi credete andate a leggere qui da salsa di sapa che ha scritto un post proprio sugli oli di semi).
Ho fatto qualcuna delle solite mie modifiche pseudobioterapiche (dico pseudo perché la bioterapia come sapete i dolci li considera poco o nulla).

Non ho cambiato tante cose, solo ho omesso l’amido di frumento sostituendolo con altrettanta farina 00 (anche se l’amido, essendo di frumento, non avrebbe avuto alcuna controindicazione, quindi se volete un dolce ancora più leggero usatelo tranquillamente); poi ho sostituito lo zucchero vanigliato con lo zucchero grezzo, e ho usato l’olio di semi di sesamo di cui sopra, che gli ha dato un sapore molto particolare, al posto dell’olio di cereali e frutta carapelli che non vedevo di buon occhio, come potete immaginare :-)

Inoltre ho fatto un solo cake invece di tanti piccolini, ma devo dire che come tutte le ricette di Sigrid il dolce non si è scomposto proprio, ed è venuto impeccabile, ottimo, e si è mantenuto incredibilmente morbido per tre o quattro giorni, conservandolo su un piatto, chiuso a campana con una ciotola di vetro.

Ingredienti:
250 grammi di yogurt
250 grammi di farina 00
150 grammi di zucchero grezzo chiaro
80 grammi di olio di sesamo
2 uova intere
2 tuorli
una presa di vaniglia in polvere
1 cucchiaio di polvere lievitante
1 pizzico di sale

Preriscaldate il forno a 160°C.

Oliate e poi infarinate lo stampo per il cake (io ne ho uno di vetro).

In una ciotola di vetro bella grande, sbattete le uova intere con lo zucchero e la vaniglia con un frullatore a immersione, fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.

Aggiungete i tuorli uno alla volta, lo yogurt, e alla fine il sale continuando sempre a frullare.
Incorporate poi la farina, la polvere lievitante e alla fine l’olio a filo.

Quando il composto è bello omogeneo, versate nello stampo (l’impasto non deve superare i tre quarti dell’altezza) e infornate per 50 minuti, facendo la prova cottura con lo stecchino o con la lama di un coltello.
Il mio cake era pronto al 50° minuto esatto… mai avuta prima una tale puntualità.

Fate attenzione perché non dovete lasciarlo cuocere troppo altrimenti risulterà secco, e comunque questo dolce rimane abbastanza chiaro, proprio colore plum cake del mulino bianco insomma :-)

Altri dolci sul pasto nudo:
Cake alle mandorle e al cardamomo
Ciambellone alle pere
Crostata con la ricotta e le pere
Crumble ai mirtilli
Cubetti di mela con crema pasticcera
Cubo di cheesecake alla ricotta
Flan di banana e sollievo
La nonnatorta
La torta della nonna
La torta dell’ultimo momento
Mele in crosta all’olio
Pastiera di grano kamut
Pie di pesche bianche e creme fraiche
Pseudo-financiers alle albicocche
Sbrisolona
Semifreddo alla ricotta e alle prugne
Torta alla ricotta, semplicissima
Torta di albumi e latticello
Torta di semolino
Torta impeccabile di carote e zenzero
Tortine al latte cagliato

 

20 comments

  1. cricri scrive:

    il tuo piccolo (e affascinante) neurone solitario fa davvero un ottimo lavoro.
    Soprattutto perché, quando riempie la stanza, lascia la porta aperta alle golosastre curiose che scoprono nuove ricettine!

    Buona giornata!
    Cri

  2. Castagna scrive:

    Ti è venuto un cake spettacolare…colore meraviglioso, soffice, lo immagino già bello tiepido! Insomma hai proprio fatto bingo!
    Concordo su quanto dici sul fatto che i cibi trasmettano informazioni che altrimenti non si avrebbero..anch’io impazzisco per le foto dei cibi, le spio sempre ai miei amici…
    Castagna

  3. salsadisapa scrive:

    amo il gusto del sesamo! non ho l’abitudine di provare olii diversi da quello d’oliva, ma certo che un olietto sesamoso dev’essere buonissimo! appena torno al negozio lo cerco :D grazie per la citazione!

  4. federica scrive:

    ma è favoloso!! soffice e delicato!

  5. marta scrive:

    davvero sembra proprio lui! chissà che buono! te lo copio!:P

  6. Dada scrive:

    Anch’io pongo le stesse domande ;-). Queste cake sembra vero, dorato, “unto” da mangaire cosi’ a morsi. Certo che riesci sempre a farmi venire l’acquolina con le tue foto, usi un filtro goloso? Buona giornata

  7. fra scrive:

    Mi incuriosisce molto l’olio di sesamo, alla prossima spesa da naturasì mi sa che lo compro…anche solo per replicare questo meraviglio so plumcake…ha un colore e una leggerezza davvero invidiabili
    Un bacio
    fra

  8. pao scrive:

    “È solo che il cibo è vivo, contiene la luce che ha assorbito, il tempo che ha vissuto, le impressioni che ha provato, trasmette se è stato maltrattato, amato, annaffiato o ha sofferto la sete, parla delle tradizioni, della gente del posto, ti racconta tante cose, cose che non è facile raccontare, che magari sfuggono alla vista e al cuore” che meravigliosa sensazione, vero?

  9. izn scrive:

    @cricri: ma per *certe* golosastre la porta è sempre aperta!

    @castagna: e io invece immagino i tuoi fiori di zucca ripieni nel mio forno domani sera… ehm.

    @salsadisapa: ma che scherzi, grazie a te per il tuo impegno nel diffondere quelle notizie preziose! e comunque questo cake se hai un’olio di oliva con un sapore molto delicato (mi sembra di ricordare che nel tuo post dicevi di usarne uno di questo tipo) sono sicura che verrà ottimo lo stesso… io di oliva ne avevo solo uno ottimo, ma siciliano, in casa, e quindi come puoi immaginare il suo sapore avrebbe stravolto il dolcetto delicatino che volevo fare :-P

    @federica: sì, e lo rimane per giorni! da adesso in poi comunque i cake li conserverò sempre sotto la campana di vetro, è rimasto sempre come se l’avessi appena fatto :-)

    @marta: e invece io mi sono innamorata dei tuoi fagottini di carne alle zucchine :-9

    @dada: eheheh, e allora tu per le tue foto usi il filtro meraviglia!?

    @fra: a dire il vero io sono molti mesi che vorrei provare anche quello di arachidi, che pare sia ottimo con le cose cioccolatose, ma da naturasì non lo trovo mai… uff :-(

    @pao: eeehhhh… tu la conosci quella sensazione, anche tu sei un’amante del cibo come me…

  10. fiOrdivanilla scrive:

    è fantastico… fa vo lo so. sembra così goloso… hmm! al sapore di olio di sesamo.. che buono!

  11. FrancescaV scrive:

    tu mi tenti! E io anche questa volta cederò ;-)

    p.s. io da Naturasì l’olio di arachidi lo trovavo sempre.

  12. marcella scrive:

    Che meraviglia! Questo è uno di quei dolci che piace tanto a me!
    Copio la ricetta, ma una domanda: dove si trova l’olio di sesamo bio? Mi sa la naturasì, vero? Non l’ho mai preso, nonostante mi piaccia tanto il sesamo!

  13. pasticciotta scrive:

    @izn: appena sfornato! è proprio identico al tuo, solo un pò più scuro perché ho usato lo zucchero grezzo solidalcoop…un meraviglioso aroma di sesamo aleggia in tutta la casa…ora si sta raffreddando ma fremo dalla voglia di addentarlo…
    p.s. secondo te a colazione si sposa bene con la marmellata? io e il mio amore domenica ne abbiamo preparata un pò di pesche alla cannella…yummmmmm

  14. piera scrive:

    che meraviglia..sofficissimo
    immagino il profimino in casa tua..un’ottima colazione!
    ciao

  15. Lilly scrive:

    …e allora, questo sugo strettissimo per le penne lisce ??!!!
    ;P
    Scherzo, quando vedo queste tue meraviglie di zucchero penso sempre a che bimba fortunata è Emma … :O

    Lilly

  16. pasticciotta scrive:

    @izn: strabuonoooooooooooooo! coprire il sapore unico del sesamo (per me è una droga!) con la marmellata mi sembrava un peccato e me lo sono pappato così al naturale, tutt’al più pucciandolo nel caffellatte! uau!

  17. chiara.u scrive:

    sei sempre una fonte inesauribile di consigli per chi come me sta riscoprendo il fai da te in cucina! grazie e mmmmmmmm che buono deve essere!!!

  18. marta scrive:

    Plumcake fatto e postato! Davvero buona questa ricetta, ancora grazie!

  19. Mariù scrive:

    La foto suggerisce alla perfezione la sofficità e il profumo inebriante di questo cake.
    Semplice e coccoloso, come i dolci della mamma.
    Baci!
    m.

  20. Beatrice scrive:

    @izn: l’ho fatto anch’io!!!
    Ho sostituito l’olio di sesamo con dell’olio di vinaccioli e cannella…buonissimoooooo!!! E soprattutto leggero come piace a me per la colazione.

Add Comment Register



Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito