Ciotole danzanti

Non mi sono mai piaciute le cose finte, e per cose finte non intendo solo la gente che finge o le bugie, ma anche proprio roba come i bottoni finti, che non aprono nulla, le finte tasche che in realtà sono cucite, e insomma tutti i finto qualcosa perché io poi sono una boccalona e ci casco e i bottoni cerco sempre di aprirli.

Credo sia questo il motivo per cui anche se — come Pollan racconta nell’introduzione al suo bellissimo libro “Cotto” — in tanti guardano programmi di cucina invece di cucinare (alla quale operazione l’americano medio dedica ventisette minuti al giorno o.O), personalmente non riesco a guardare qualcuno che cucina senza sentire una spinta irresistibile a farlo in prima persona. Non mi basta guardare, non mi è mai piaciuto; sono più un tipo da tatto e olfatto che da vista :-)

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.
Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato sul sito è semplicemente Nome e Cognome) e la password che ti abbiamo inviato con la tessera.
Se selezioni l’opzione “Ricordati di me” dovrai farlo solo la prima volta.

» Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito