Latte che pascola (prima parte)

Un paio d’anni fa ero in Sardegna e mi capitò sott’occhio la confezione di un latte che lì viene distribuito per la maggiore; un tetrapak con un allegro sfondo giallo e l’illustrazione (carina) di una vacca al sole, su un prato collinoso davanti al mare, che lasciava quindi intendere che il contenuto provenisse da animali felici e pascolanti.

latte quale bere

Purtroppo la realtà era (ed è) ben diversa: il latte industriale proviene da allevamenti nei quali le vacche il sole non lo vedono nemmeno di striscio, che vengono alimentate non si sa bene come, e che viene pagato agli allevatori quel poco che basta (se non sbaglio, allo stato attuale delle cose, 33 centesimi al litro!!!) perché sopravvivano e soprattutto facciano sopravvivere il sistema.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.
Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato sul sito è semplicemente Nome e Cognome) e la password che ti abbiamo inviato con la tessera.
Se selezioni l’opzione “Ricordati di me” dovrai farlo solo la prima volta.

» Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito