Pane 2.0

Se seguite abitualmente il pasto nudo avrete notato che è tanto, ma tanto tanto, che non posto ricette di lieviti, fatta eccezione di un po’ di modi per riciclare gli scarti della pasta madre. Il motivo è che quando sono andata a studiarmi grani e farine ho scoperchiato il vaso di Pandora e ho scoperto talmente tante cose che non andavano che ho dovuto rivedere completamente i miei comportamenti alimentari (e culinari) in merito.

pane di farine antiche

Ho iniziato eliminando le farine troppo raffinate, come la 00 e la 0, primo perché prive di nutrienti (vengono scartati attraverso la setacciatura, e rimangono solo amidi e zuccheri), e secondo perché possono venire fuori solo dai molini a cilindri, che “cuociono” la farina e la rendono un cibo “morto”, un non cibo, diciamo.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.
Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato sul sito è semplicemente Nome e Cognome) e la password che ti abbiamo inviato con la tessera.
Se selezioni l’opzione “Ricordati di me” dovrai farlo solo la prima volta.

» Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito