Caffè Paranà

Questa fa parte del capitolo: “quando due passioni si incrociano”. Come qualcuno di voi già sa, nel mondo del lavoro io sarei un grafico, uno di quei rompipalle assurdi che notano lo spostamento di mezzo millimetro in un disegno, pesano con gli occhi la percentuale di un colore rispetto a un altro e così via.

caffè biologico roma

E come in tutte le cose che faccio, anche da grafico sono esagerata e fuori dalle righe. Il genere supercreativo, allergico agli schemi, che se vede lo stesso carattere due volte sbuffa, insomma quel tipo di professionista che in Italia si sente dire cose come: “sei sovradimensionata rispetto a quello che ci serve”, o: “sì, sì, bello, ma non potresti fare qualcosa di più normale?”, o anche: “ehm, pensavo a un’immagine più istituzionale”.

Ecco perché ho finito per odiare il mio lavoro. Perché è per prima cosa una passione, e come per tutto, non riesco a fare neanche quei compromessi che sono necessari; non mi piace sentirmi dire dai clienti (che giustamente vogliono dire la loro): “questa cosa la voglio così o cosà”, sono inadatta al lavoro fatto in questo modo. Così negli ultimi due o tre anni non ce l’ho fatta più a progettare cose medie per sopravvivere, ed è anche per questo che ho creato il pasto nudo, per fare qualcosa di bello e utile senza dovermi sentir dire come doveva essere concepito, fuori dalle logiche commerciali.

Abbiamo ancora qualche cliente, pochi e selezionati in verità (quelli che accettano di rischiare dal punto di vista dell’immagine — almeno un pochino — e che poi pagano pure, che non è mica la normalità), ma al momento quello che lavora sulla grafica è soprattutto il sacro zac, che infatti spesso e volentieri indirizza aggettivi molto poco carini al mio blogguccio: “‘sto c… di blog!! Prima mi tiri dentro il *tuo* studio grafico, poi mi lasci tutte le responsabilità” etc etc.

Tutta questa storia e preistoria per dirvi che stavolta per puro caso interzona (il nostro studio grafico) e il pasto nudo si sono incontrati, perché uno dei nostri clienti, un’importante torrefazione di caffè di Roma, ha deciso di compiere un passo molto importante e, cosa rarissima nel panorama romano e italiano in genere, di *rischiare*, facendo una cosa che se non sbaglio non ha ancora fatto nessuno qui da noi: servire esclusivamente espresso biologico (certificato icea) e fairtrade in due delle sue “boutique del caffè”.

Sto parlando della caffetteria Fagi, che si trova accanto alla stazione Termini, a piazza dei Cinquecento, e La Casina del Lago che si trova a Villa Borghese. La scelta strategica è stata di non porre l’accento sul fatto che il caffè fosse biologico (e da commercio equo), riuscendo a mantenere gli standard di qualità che il loro espresso aveva già *nonostante* fosse biologico. Paranà infatti è anche l’unico punto di formazione INEI (l’Istituto Nazionale Espresso Italiano) nel Lazio, dove si formano gli assaggiatori di caffè (avete presente i sommelier del vino o gli assaggiatori professionali di olio? Una cosa del genere).

caffè bio roma

Il problema con il caffè è che siccome quello coltivato biologicamente proviene in genere da coltivazioni piccole, non è facile ottenere sempre la stessa qualità; molti produttori non guardano al risultato gustativo, perché sono erroneamente convinti che al consumatore che vuole il caffè biologico va bene qualsiasi cosa, purché coltivato in quel modo particolare.

Emilio Giannelli

Emilio Giannelli, uno dei soci della torrefazione, mi ha raccontato appunto delle difficoltà che hanno avuto in questo senso a trovare la miscela di semi giusta, che alla fine hanno creato con chicchi che arrivano dal Nicaragua e dal Messico, e di trovare poi il grado di tostatura adatta a *quel* tipo di chicchi (la tostatura è una delle chiavi per la buona riuscita del caffè).

caffè Paranà

L’azienda ha espresso la volontà di comunicare la sua scelta solo tramite un cartoncino che veniva servito al bar insieme alla tazzina di espresso; lo zac ci ha lavorato un po’ su e poi ha tirato fuori un’idea proprio carina: il caffè tre volte buono (biologico, equo solidale e con il gusto e l’esperienza della torrefazione di cui sopra).
Ammetto che lo ammiro molto il mio quasi marito: io non ci sarei riuscita. Mettetemi a fare un logo, una locandina, un sito web, và, ma tenetemi fuori dai mondi nei quali è necessario entrare nella psiche della gente e convincerla a comprare qualcosa.

Emilio Giannelli

Ovviamente come pasto nudo non posso che osannare la virata bio dell’azienda Paranà, anzi eventualmente faccio pure la ola. Anche perché, oltretutto, il caffè che viene servito è veramente, ma veramente buono. Detto da zac, perché io per quello che riguarda il caffè capisco solo se mi piace o no, visto che essendo una produttrice industriale di adrenalina (biodinamica eh) lo assumo in dosi omeopatiche.

Per tutto ciò che riguarda la coltivazione e la lavorazione del caffè biologico rispetto a quello convenzionale ho un sacco di cose da raccontarvi; ci sono differenze sostanziali sia ambientali che ovviamente qualitative. Un anno fa (argh) ho varato una rubrica proprio su questo argomento, ho già un nuovo post quasi pronto e presto sarò in grado di raccontarvi quello che ho scoperto; a questo punto mi sa che però se riesco farò prima un salto alla Torrefazione Paranà a fare un po’ di scatti della lavorazione, così potrò essere più chiara.

Insomma, aspetto i pareri dei romani su questa novità. E di quelli non romani che passano da Termini, anche al volo, ché ci vogliono tre minuti giusti treno-caffè-treno, mica vorrete beccarvi il caffèaccio qualsiasi della stazione, verooo?

Ho ancora un’ultima cosa da dirvi, se poteste mettere in sottofondo una musichetta trionfale mentre leggete ve ne sarei grata. Sto preparando il pacchetto per la vincitrice di San Tommaso is back e sono tutta gasata, e così dato che mi ci sto divertendo un bel po’, ho pensato di fare un piccolo give-away (il primo del pasto nudo), una cosa simbolica ma carina. Tra i pastonudisti che nei commenti specificheranno di voler partecipare al give-away e ne diffonderanno la notizia sul loro blog, su un forum o su un social network (Facebook, Twitter, o altri — se non ce l’avete iscriversi è facile, veloce e gratuito), ne verrà sorteggiato uno al quale invierò a casa un pacchetto contenente un barattolo da 250 grammi del loro nuovissimo caffè biologico (grafica di zac!!!) – non è ancora nei negozi, ed è solo da due giorni nei loro punti vendita. C’è tempo fino alla mezzanotte di venerdì 15 luglio. Che dite? Siete curiosi di provarlo a casa?

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

19 comments

  1. jennifer ha detto:

    Aaaaahhhhaaaaaaaaa!!!!!Ci stai prendendo gusto coi give-away,eh ;-)

    Io salto…non ho passione d’iscrivermi a social network…a meno che non valga anche skype!!!!

    Complimenti x il vostro impegno con la caffetteria…ce ne fossero anche qui in alto di persone che osano rischiare!!!!!

  2. jennifer ha detto:

    Oh beh…ora ho riletto…vale anche spargere la news nei forum,xciò lo farò volentieri a quelli cui contribuisco e partecipo volentieri al tuo give-away ;-)

    E’ valido così?????

    Baci!!!!

  3. izn ha detto:

    @jennifer: ma certoooo!!! Il senso del gioco è far sapere a più persone possibile che c’è questo nuovo caffè e far conoscere di più il pasto nudo, quindi qualsiasi metodo è valido. Anche il volantinaggio :-)

  4. FrancescaV ha detto:

    bravissimo Zac per la grafica. Non sapevo IZN che tu avessi lasciato grafica e pittura, spero non sia una cosa definitiva. Passare da Termini é facilissimo, segnato per la prossima volta! Condivido su FB :)

  5. elena galeazzi ha detto:

    anche io voglio partecipare al give-away :-)
    mi sa che un salto ad assaggiare questo caffè ce lo farò.

  6. zac ha detto:

    @FrancescaV: grazie! In realtà Caffè Paranà aveva già intrapreso un percorso di comunicazione molto interessante e a un livello decisamente più alto rispetto alla media della torrefazione romana, anche prima di collaborare con interzona. Sono contento però che il risultato ti piaccia!!

    @tutti: se siete di Roma o passate da queste parti durante l’estate romana, il mio consiglio è di farvi due passi anche al giardino del Lago a Villa Borghese per prendervi un buon caffè. La cornice merita e anche l’aroma. Sugli altri 3 sensi ci stiamo ancora lavorando… :-)

  7. FrancescaV ha detto:

    hai ragione Zac, quell’angolo di Villa Borghese merita veramente, che nostalgia! Avevo intuito che questi signori del caffè Paranà avessero intrapreso un percorso comunicativo degno di questo nome ;-)

  8. Sabrina ha detto:

    Anche io voglio partecipare! Mi sposo sabato e al ritorno dal viaggio di nozze mi ci vorranno 250 g di caffè per tornare al lavoro!!;)
    Condivido il tuo post su fb!

  9. barbara m. ha detto:

    trovo magnifici questi cartoncini, semplici, simpatici ed efficaci, complimenti allo zac!

    un bacio da un’altra ‘inadatta alla vita lavorativa’ che per le tue stesse motivazioni si è ritirata a fare la mamma e l’orticoltrice, con enorme soddisfazione e sollievo :-)

  10. Marlene ha detto:

    anche io voglio partecipare al give-away, voglio quel caffè, dopo questo post mi hai messo su un curiosità bestiale!

  11. roberta cobrizo ha detto:

    Chapeau, 3 volte!: all’azienda per l’intraprendenza, al grafico brillante e a te per la tua opera di armonizzazione e diffusione!

  12. pelomary ha detto:

    Non so se ti darà soddisfazione ma ogni volta che apro il pastonudo ti ringrazio mentalmente di esserci. Continua così!!!!!

  13. carla ha detto:

    Ciao! la grafica e posto meravigliosi :)

    …e dato che sono lontana da Roma mi piacerebbe molto assaggiare questo caffè Bio!

    te lo condivido subitissimo su FB :)

    Ciao Carla

  14. Gloria ha detto:

    ahaha io stavolta partecipo, che di mandar la foto della scheda per San TOmmaso is back mi sono scordata (e mi ci rode un bel po’!)
    Baci
    Gloria

  15. Francesca ha detto:

    .. lo metto subito su Fbook e twitter e tumblr e chi più ne ha più ne metta!
    ;)

    ottima idea.. :D

  16. italo ha detto:

    anche io voglio partecipare………

  17. veronica ha detto:

    non sono proprio un’intenditrice per quanto riguarda il caffe’….vabe’ diciamo che la distinzione buono/ciofeca riesco a farla, ma non molto di più!!!
    Passerò al più presto in quel di termini per assaggiare il caffè e diffondo questo post su fb….può essere sufficente a partecipare al give away? Così magari affino la mia sensibilità per il (tre volte) buon caffè!!!

  18. singlemama ha detto:

    ecco, mi son persa il giveaway. vabbè, le cose vanno come devono e poi io non bevo caffé da quando son rimasta incinta. sarà per il prossimo (giveaway – perché ci sarà un prossimo giveaway veeerooooo???)

    ps: cito ‘ uno di quei rompipalle assurdi che notano lo spostamento di mezzo millimetro in un disegno’. guarda che NON è perché sei un grafico. sono i soliti 5 pianeti in vergine :-D

  19. veronica ha detto:

    ci sono passata!!! effettivamente il caffè merita…mi ha rimesso al mondo sotto molti punti di vista! Anche se molto ristretto decisamente piacevole.

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito