Re Desiderio

Mi chiama quel ragazzaccio a fasi alterne di Bruno Alborghetti e mi dice che c’è un bio-posto che dovrei visitare, aggiungendo che si trova a dieci minuti da casa mia (comincio a pensare di vivere in un posto fico), una cittadina che tra l’altro non avevo mai visto, e che col senno di poi mi è sembrata anche più carina di Formello, dove abito io.

re desiderio

Un po’ diversa, diciamo, perché è proprio un paese paese, mentre Formello è più un quasi-quartiere-satellite di Roma, ormai. Però graziosa, ordinata, pittoresca. Antica. Etrusca, ovviamente. Bruno dice che se lo aspetto una decina di giorni, che torna da nonsodove, possiamo andarci insieme, che me lo fa vedere.

Aspettare???!!!!! Ma che parola è? Non credo di conoscerne il significato.
Decido che è un termine straniero, mi attacco al mac, reperisco indirizzo e numeri di telefono e dopo due minuti sto parlando con Renata Ferrandes, proprietaria, insieme al marito Andrea Trenta, di un ristorante che, signori, vale *davvero* ma *davvero* la fatica di mettersi in macchina e fare qualche chilometro (pochi – da corso Francia ci vogliono una ventina di minuti in tutto), fino a Sacrofano.

Percorriamo dieci minuti di strade molto alberate, immersi nella campagna romana (l’ho già detto quanto adoro vivere in campagna?), avvistando una mucca qui, un cavallo lì, un gruppo di case da quella parte, un paio di ville dall’altra (non tornerò mai più a vivere in città, giuro).

re desiderio ingresso dal retro

Re Desiderio è annidato nel borgo medioevale del paese, ma quando arriviamo non abbiamo nessun problema per lasciare la macchina perché hanno un grande e comodo parcheggio, vicino all’ingresso posteriore (vedete la “P” azzurra nella foto?).

re desiderio

Che dire di loro. Hanno la nostra età, e come noi hanno un bimbo di un paio d’anni e qualcosa (insieme ad un altro più grandicello). Sono idealisti, testardi, accoglienti, gentili e bravi. Intanto hanno avuto un gran gusto nella scelta del locale e nell’arredamento.

re desiderio

Il ristorante si trova in quella che una volta era la cantina, scavata nella roccia, del cinquecentesco Palazzo Gasparri. La luce filtra da grandi finestroni molto alti, dando al tutto un aspetto pittoresco ed elegante, di un’eleganza sobria e pacata.

re desiderio

I tavoli di legno sono semplici e belli, commissionati su misura ad un artigiano di Città di Castello, Paolo Fofi. Persino la scelta dei sottopiatti non è casuale: sono tutti pezzi unici, disegnati da un artista che si chiama Antonio Buonfiglio (guardate il suo sito e poi ditemi…).

re desiderio piatti d'autore

I menù. Ah, i menù. Cioè, sì a parte il contenuto, intendo. Secondo voi, un grafico indifeso può mai restare insensibile di fronte a gioielli realizzati con carta indiana fatta a mano con il cotone? Anche questi pezzi unici, anche questi fatti da un’artista, stavolta del restauro, tale Mariano Abballe, che ha il laboratorio a Todi.

re desiderio

Passiamo al sodo; parliamo di un ristorante, e quindi vorrete sapere cosa si mangia, come e perché. Abbiamo deciso di sederci fuori (hanno sistemato alcuni tavoli nel cortile sul retro del palazzo, secondo me delizioso (amo le atmosfere decadenti), oltre che indiscutibilmente tranquillo e silente.

re desiderio

Vi parlerei del pane (ottimo) fatto in casa con il lievito naturale e con le farine di Torre Colombaia, delle birre crude artigianali (che non sono bio) e dei vini (che sono costretti a far finta di non essere bio), della meravigliosa tagliata di pollo ruspante (dello Spicchio) con salvia e rosmarino; del morbidissimo stracotto di manzo, delle insalate fresche e croccanti, oltre che coreografiche, della cartucciera di ciambelline o delle minisbrisolone veramente fuori dall’ordinario. O della mousse di cioccolato all’olio di oliva e sale. Indimenticabile, quella, sarebbe da andarci anche solo per lei.

re desiderio

Ma non sono nè una gourmet, né un critico gastronomico. Amo i piatti semplici e per questo geniali, cucinati con passione, che derivano dalle migliori materie prime che si riescono a trovare (migliori nel senso di fresche e sane), e quello che vi posso assicurare è che *qui* queste cose le trovate.

re desiderio

Non tutta (ma quasi) la carta è biologica al 100% (per adesso che io sappia a Roma solo Biogusto è certificato IMC), ma tutto il cibo è di qualità più che ottima (molte delle verdure sono coltivate nel loro orto (!) o acquistate da Giampietro di Agribios – che ormai a Roma sta diventando un’istituzione – lo trovate al mercato di Ponte Milvio), e cucinato alla perfezione.

Potete anche comprare un sacco di cose bio (fresche e non) direttamente lì da loro.

re desiderio

Foste poi talebanamente biologici come me vi basterà comunque dare uno sguardo al menù (è tutto segnalato, bio e non bio), e scegliere di conseguenza; ad ogni modo loro sono pronti anche alle più estenuanti delle spiegazioni su ciò che servono (se hanno retto me… eh eh).

re desiderio

Se andate a trovarli vi consiglio di fare un giro nella cantina… non ci possono tenere i vini, perché è una cantina per le botti, non per le bottiglie (se volete che le etichette rimangano leggibili, almeno), ma c’è una cosa stranissima che dovete assolutamente vedere. Non ve la dico nemmeno, perché è indescrivibile.

re desiderio

Dimenticavo… nel caso non vi bastasse mangiare bene in un posto suggestivo e accogliente, il giovedì e il venerdì sera c’è anche la musica dal vivo. Jazz, blues, soul, musica classica, e altro. E un bellissimo soppalco attrezzato con divani e tavolini, dal quale affacciarsi e godersi lo spettacolo. Ci vediamo lì?! :-)

Re Desiderio
Largo Cardinal Gasparri, 18
00060 Sacrofano (Roma)

redesiderio@hotmail.it
+39 06.9086326
+39 347.3221684

Aggiornamenti:

Settembre 2012:
Purtroppissimo questo luogo meraviglioso ha chiuso i battenti alla fine dell’estate. Andrea Trenta sta preparando un nuovo progetto di cui presto vi parlerò, ciò non toglie però che noi siamo a lutto fino a quando non potremo tornare a gustare la sua cucina geniale. Sigh!

Marzo 2015:
Sono (molto) lieta di annunciare che ReD è risorto dalle sue ceneri sotto forma di Supper Club, cioè di home restaurant; vale a dire che da adesso tutte le cose buone che prima si potevano gustare nel ristorante adesso le trovate nella bella casa di Renata e Andrea, con il plus di mangiare a tavola con loro e conoscere nuovi amici che se volete saranno seduti con voi. Trovate tutti i loro appuntamenti sullo stesso sito di prima oppure sulla loro pagina Facebook :-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

19 comments

  1. Francesca ha detto:

    che posto surreale…è bellissimo. complimenti per le foto.
    p.s. ah, anche a me piacciono i posti un pò decadenti :-)

  2. Giò ha detto:

    posso dire che mi sono letteralmente innamorata di questo posto?
    per non parlare del piatto in primo piano nella prima foto…….
    la parolina magica “etrusco” poi ha fatto il resto!
    devo assolutamente venire in trasferta dalle tue parti.

  3. fra ha detto:

    che posto incantevole!!!! peccato che non sia a portata di mano…però viene voglia di organizzare una trasferta gastronomica solo per visitare un luogo così particolare! Grazie per la segnalazione
    Un abbraccio
    fra

  4. Loretta ha detto:

    Altroché se ci vediamo lì!! Mi hai fatto venire una voglia pazzesca di andarci!
    C’ho un’invidia per queste persone che riescono a fare della loro passione un lavoro… e io qui che ci provo, ci provo, ci provo… ma forse mi manca qualche cavolo di caratteristica fondamentale, uff!!

  5. elena ha detto:

    izn nella recensione non lo dice ma c’ero anche io con loro. Un ristorante davvero bello e dove abbiamo mangiato molto molto bene. Ottime le materie prime, cucinate bene. Io non sono una grande esperta di vini ma sia il bianco che il rosso che abbiamo bevuto erano eccellenti. Un locale da frequentare.

  6. marcella ha detto:

    Giò, andiamo insieme?
    Tra l’altro io la zona non la conosco proprio…
    Che voglia di essere lì!

  7. cembolina ha detto:

    vabbè ho capito, devo prendere un aereo. devo!!! :-)

  8. silvia ha detto:

    adesso mi serve un biglietto del treno per la dixie serata. poi noleggerò una macchina, poi un camera…vabbè posso farcela

  9. Cleofe ha detto:

    ancheioancheio

  10. tepperella ha detto:

    particolarissimo questo posticino! la prossima volta che capito a Roma ci vado di sicuro!!!

  11. susanna ha detto:

    GRAZIE:-)

  12. Loreto Nemi ha detto:

    U – A – U !
    APPENA POSSO CI VADO!

  13. Cleofe ha detto:

    e me lo avevi pure detto ! acc.. a Sacrofano, quando ti ho portato i bavaglini sabato, ci sono passata, che testa!! magari mi sarei fermata a cena ..

  14. angela ha detto:

    cara Cleofe l altra volta che siamo andati da Giancarlo hai perso una buona occasione…… ma puoi sempre recuperare .

  15. Cleofe ha detto:

    hai ragione Angela…ma come dici tu si può sempre recuperare!

  16. pierangela ha detto:

    arieccomi!! te l’avevo detto che sarei tornata a trovarti!! e come avevo immaginato non sono rimasta delusa!! bello tutto!! le foto meravigliose di piatti che fanno venire l’acquolina in bocca, anche a quest’ora (sono le 23.05) , interessantissimi gli argomenti che tratti e poi, non so come, mi trovo dentro contenuti diversissimi fra loro ma che hanno in comune tante cose, prima fra tutte il rispetto per la salute!! sai, anch’io abito a roma e mi hai dato tanti, tantissimi suggerimenti su cose da fare a da vedere, grazie infinite e a presto!!!

  17. Emanuela ha detto:

    Provato ieri finalmente e ne sono ENTUSIASTA!!! Renata e Andrea sono bellissimi, con un vero colpo di fortuna ho incontrato lì Izn, Zac e la principessa Emma con amici (mitico Luca!)…insomma…un pranzo favoloso, ANDATECI!

  18. Christian ha detto:

    Ci siamo stati ieri sera.
    Che incanto di posto, cucina sublime ed un’umanità stupenda!
    L’attenzione per le materie prime conta su tutto,l’amore di Andrea per quel che cucina traspare in ogni suo piatto.
    In sala Renata mette gli ospiti a proprio agio con estrema eleganza e semplicità.
    Nulla è lasciato al caso e quando dico nulla non esagero.
    Grazie Andrea, grazie Renata e per ultimo ma non all’ultimo grazie a te Sonia.

  19. laura ha detto:

    ho letto che ha chiuso, e vero? :(

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito