Lo yogurt. Sì, ma quale?

La trasparenza delle etichette dei prodotti alimentari, reclamata a gran voce dai consumatori e garantita a chiacchiere dai produttori, è ancora una chimera. Se ci fosse davvero, permetterebbe di fare scelte consapevoli, invece abbiamo a che fare con etichette che, oltre che essere illeggibili e incomprensibili, non dicono quasi mai tutta la verità, nient’altro che la verità.

yogurt quale scegliere

Prendiamo lo yogurt, l’alimento che nell’immaginario collettivo è uno dei prodotti meno manipolati, ergo uno dei più genuini e sani. E lo è davvero se fatto in casa con del buon latte fresco (ad esempio quello biodinamico tedesco a km. 1000 di cui abbiamo parlato tempo addietro e con i fermenti lattici adatti). Quando invece lo si va a comprare al supermercato, l’insidia di una fregatura è dietro l’angolo. Per questo motivo ho pensato di redigere per voi un dizionarietto dei termini che potete trovare scritti sull’etichetta degli yogurt in commercio. Spero vi possa aiutare a scegliere bene e secondo le vostre esigenze.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.
Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato sul sito è semplicemente Nome e Cognome) e la password che ti abbiamo inviato con la tessera.
Se selezioni l’opzione “Ricordati di me” dovrai farlo solo la prima volta.

» Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito