Visti da vicino

Quest’anno niente panettone fatto in casa, sono senza impastatrice, sigh, sigh, sigh!!! L’ho chiesta a Babbo Natale in una letterina che ho inviato insieme a quella della pulcina, speriamo che mi prenda in considerazione anche se sono un po’ cresciutella :-)

leggere le etichette

Quindi vi lascio senza ricetta 2.0, ma potete attingere a una buona 1.0, che perfezioneremo in seguito, prometto; e forse riesco a mostrarvi un’altra cosetta per la quale l’impastatrice non serve, ma che potrebbe fare la sua discreta figura sulla vostra tavola di Natale.

Però in cambio oggi vi faccio un altro regalo che vi avevo promesso da un bel po’ di tempo: una rubrica nuova nuova, curata da nientepopodimeno che Matteo Giannattasio, che ormai ben conoscete perché ve ne ho parlato qui, qui, qui e qui. Ah! E poi anche qui, naturalmente :-)

Il professor Matteo Giannattasio ci racconterà come si fa a districarsi nella giungla dei termini astrusi che leggiamo (che *dobbiamo* leggere) sulle etichette di ciò che compriamo. Ci insegnerà a distinguere gli ingredienti buoni da quelli cattivi; a non acquistare cibo che contenga ingredienti che servono a mascherare la cattiva qualità, tra cui gli additivi, che nel migliore dei casi sono inutili, ma non di rado possono anche essere nocivi.

D’altra parte, perché diavolo dovremmo comprare qualcosa che ci può far male? Perché per l’industria è più facile produrlo in quel modo? O perché alla grande produzione costa meno farlo così? Voglio dire, se un dolce sa di vaniglia (posto che la vaniglia sia lì per dargli un aroma, e non per nascondere qualche magagna), voglio che ci sia dentro la vaniglia, non una cosa che ha un sapore simile.

Tempo fa mi interessai molto agli olii essenziali (adesso li uso abitualmente per tante cose); questo studio mi portò a gettare (e bandire per sempre) ogni tipo di profumo sintetico.
Uno dei motivi più importanti per cui feci questa scelta fu apprendere che le onde cerebrali di una persona che annusa un olio essenziale subiscono significative variazioni, mentre lo stesso identico profumo, ma ricavato sinteticamente, non provoca alcun tipo di reazione cerebrale.

Il problema è che questa scoperta mi fece capire anche che se è vero, come la bioterapia nutrizionale afferma, che istintivamente siamo portati a desiderare ciò che ci fa bene (parliamo sempre di persone che si sono già incamminate sulla strada della consapevolezza, quindi che hanno un buon grado di conoscenza delle proprie sensazioni), e in un determinato momento abbiamo voglia, poniamo, di vaniglia, assumendola in forma sintetica non facciamo altro che fare il nostro organismo (perdonate l’espressione napoletana) “fesso e contento”. A che pro?

Beh, la conclusione per me è stata una sola: non ho mai più acquistato cibo che contenesse additivi sintetici, neanche uno, neanche mezzo.

Ecco fatto. Vi lascio in ottima compagnia; come leggerete Matteo Giannattasio ha idee molto chiare, anzi chiarissime, su questo e su tanti altri argomenti che riguardano l’alimentazione e il rapporto tra la qualità di ciò che mangiamo e la nostra salute.

E mi siedo qui, accanto a voi, ad ascoltare, anzi prendo anche un taccuino, che non voglio perdere una parola :-)

Miei cari, subito una raccomandazione: pazienza e attenzione. Entrambe sono indispensabili per fare il percorso che stiamo intraprendendo per arrivare ad essere in grado di giudicare la qualità di un alimento dagli ingredienti che contiene.
Pronti? Via.

La legge impone che per ogni prodotto alimentare si riporti in etichetta la lista degli ingredienti. Inoltre stabilisce che gli ingredienti siano elencati in ordine decrescente di quantità. Pertanto, l’ingrediente indicato per primo è quello presente in maggiore quantità e quello indicato per ultimo in minore quantità. Questa informazione, ed altre che vi darò in seguito, sono fondamentali per il fine che ci siamo proposto.

Le ragioni per le quali ben poche persone leggono le etichette sono diverse. Oltre all’umana pigrizia, ci sono i caratteri così piccoli delle scritte che si fa fatica a leggerli anche se si gode di ottima vista. Poi esiste il problema di capire quello che c’è scritto perché gli ingredienti sono il più delle volte ignoti al consumatore.

Faccio un esempio ricorrendo agli ingredienti che si possono trovare nel panettone industriale (che ho scelto per iniziare questa rubrica). Il povero consumatore che legge zucchero, capisce che si tratta di quello che usa anche in casa per addolcire il caffè. Ma, se poi legge che tra gli ingredienti c’è anche lo sciroppo di glucosio, ha qualche difficoltà prima a capire che si tratta di un dolcificante come lo zucchero e poi a spiegarsi perché la ditta che ha prodotto il panettone ha usato, per dolcificare, sia lo zucchero che lo sciroppo di glucosio.
Eppure, teoricamente gli ingredienti riportati in etichetta dovrebbero servire al consumatore per giudicare se il prodotto che intende comprare è di buona o di cattiva qualità e/o per fare un confronto tra prodotti similari e scegliere in base al rapporto qualità/prezzo. Purtroppo non è così perché, per leggere e capire esattamente che cosa c’è scritto in etichetta, ci vorrebbe davvero una laurea in tecnologia alimentare.

E, poiché quasi tutti noi siamo pigri, non riusciamo a leggere le scritte e non le capiamo perché non abbiamo questa benedetta laurea, ecco che le etichette le leggono in pochi e si fa la scelta di un prodotto non in base alla qualità ma, orrore orrore, in base alla pubblicità televisiva. Il prodotto è reclamizzato alla televisione? Allora è buono.
È esattamente il contrario. I prodotti alimentari buoni non hanno bisogno di pubblicità. Sono quelli cattivi che invece ne hanno assoluto bisogno, altrimenti non si venderebbero, e per questo le ditte produttrici pagano fior di milioni di euro per le campagne pubblicitarie che poi incidono pesantemente sul prezzo che il consumatore paga.

Insomma, è il caso di dire che quando compriamo un prodotto pubblicizzato attraverso la televisione (ma anche attraverso altri media), rischiamo di pagare più per il fumo (della pubblicità) che per l’arrosto (cioè la qualità).

Una di queste mattine innevate, mentre facevo la mia solita corsa mattutina, mi è balenata un’idea (sapete, vengono tante idee geniali correndo): abbiamo un blog eccezionale, questo qua, una mia compaesana napoletana, Sonia, che è una donna onesta, coraggiosa, testarda, seria… (non vado oltre se no riempio tutto lo spazio con encòmi), un signore, questo qui, che ha fatto della corretta informazione sui temi dell’alimentazione un impegno sociale oltre che professionale (tengo appunto l’insegnamento “Qualità degli alimenti e salute del Consumatore” per gli studenti universitari del corso di laurea in tecnologie alimentari, e sono il direttore scientifico della rivista Valore alimentare che spero tutti voi conosciate e leggiate). Mi sono detto: il trigono è favorevole per un’avventura con la Sonia e con tutti voi.
L’avventura di arrivare a giudicare un prodotto alimentare dalla lettura dell’etichetta, senza avere la laurea di cui sopra. Vi chiedo soltanto di scrollarvi di dosso la pigrizia, se c’è (c’è, c’è, sì che c’è).

Pronti? Via col primo alimento sotto la lente, il panettone natalizio.

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

16 comments

  1. claudia ha detto:

    Me-ra-vi-glio-so (come diceva Domenico Modugno nell´anno in cui siamo nate io eppuranche Sonia). Aspetto molto volentieri, che ´sta cosa dello sciroppo di glucosio ovunque mi sta veramente qui (giá Pollan mi aveva messo la pulce nell´orecchio)!

  2. Interessantissima ed utilissima rubrica. Mi siedo in prima fila per ascoltare, prendere appunti e cominciare a capirci veramente qualcosa su queste maledette incomprensibili etichette. Il panettone? Non un periodo migliore per trattare l’argomento! Intanto però a questo punto forse sarebbe meglio autoprodurlo in casa!

  3. Loretta ha detto:

    Grazie izn come sempre (“Visti da vicino”… perfetto!). E grazie al prof. Giannattasio per la rubrica.
    Anche io attendo di sapere… lo sciroppo di glucosio mi incuriosisce molto, ha proprietà diverse dallo zucchero che, in particolar modo in pasticceria, possono essere estremamente utili e potrebbe anche essere prodotto naturalmente che io sappia (trasformazione tramite idrolisi dell’amido, credo…). Sono curiosissima di saperne di più!

  4. jennifer ha detto:

    …mi metto in prima fila pure io,tutt’orecchi e voglia di capire finalmente qualcosa..anche se,da abbonata a Valore Alimentare,posso dirmi contenta di aver aperto già un pò occhi ed orecchie!!!!

  5. kosenrufu mama ha detto:

    giannattasio!!!!!!!??????? sei un mito!!!!! io leggo come oro colato ogni parola che scrive!!! un grazie grande come una casa a te e lui!!!!

  6. Paola ha detto:

    Grazie ad entrambi!!!! sono particolarmente felice che inizi questa rubrica perché, aimé, da autodidatta è davvero un percorso difficile….quindi benarrivato professore e buon lavoro a tutti!

  7. Chocolat ha detto:

    Ciao leggo il tuo sito da un po’ e trovo delle informazioni molto interessanti.
    Volevo chiederti qualche informazione in piu’ sul pesce fresco.
    Cosa possiamo trovare di ‘insano’ nel pesce fresco ?
    Grazie per i tuoi illuminanti post.Chocolat.

  8. Gloria ha detto:

    Grazie per questa nuova rubrica, che seguirò sicuramente con attenzione…

    Intanto per non sbagliare io la ricetta 2.0 del panettone sono riuscita a scovarla!!
    Buono davvero (anche se ancora qualche miglioramento si può fare!)

  9. soniuccia68 ha detto:

    Questo è uno degli argomenti che più mi sta a cuore.
    Tutte queste sostanze nei prodotti, accumulati in cibi diversi e in anni e anni c’è da immaginarsi cosa possano combinare al nostro organismo!
    Ieri volevo comprare dei fichi secchi ma fra sbiancanti e solforosa ho rinunciato!
    L’anno prossimo me li seccherò da me…

  10. roberta69 ha detto:

    Io seguo il Pasto Nudo da un paio d’anni, e se da un po’ non mi si vede è perchè seguo…ma silenziosamente!
    Ammiro il bellissimo lavoro di Izn su questo blog, lo trovo molto interessante e assolutamente utile. Aprire gli occhi a tutti noi su quello che più di tutto condiziona la nostra vita e il nostro benessere, ciò che mangiamo, è come fare un’opera di bene e quest’occasione mi cade a fagiuolo per ringraziare Izn e tutti i suoi collaboratori per le preziose notizie che ci fornisce. Grazie!
    Naturalmente seguirò anch’io, interessatissima, questa rubrica curata dal pof. Giannattasio!

  11. francesco ha detto:

    caro babbo Natale, perchè non mi porti un panettone senza mono e digliceridi degli acidi grassi e sciroppi di glucosio. Grazie prof. Giannattasio per le interessanti informazioni che ci sta dando su Valore alimentare e su questo blog.

  12. francesca ha detto:

    quando uscirà l’articolo promesso sul panettone? vorrei leggerlo prima di comprare il panettone. nei supermercati ce ne sono tanti e non so decidermi. ce ne sarà qualcuno buono da comprare per il prezzo e buono da mangiare? l’anno scorso ne ho comprato uno al discount che sapeva di grasso irrancidito, quelli biologici costano il doppio. speriamo che tra i tanti del supermercato a 4-5 euro ce ne sia qualcuno….. buono e meno peggio degli altri. tanti saluti e complimenti per il blog francesca

  13. izn ha detto:

    @francesca: se mj dài un’oretta magari riesco a pubblicarlo subito… vado, ci provo, swish!

  14. stelladisale ha detto:

    complimenti izn per aver coinvolto pure il professore in questa rete di discorsi che mi piacciono che è il tuo blog, aspetto le prossime puntate :-)
    per gli auguri immagino sia presto, ma magari non ripasso, buon dolcissimo naturalissimo natale!

  15. japans_vlindertje ha detto:

    sono qualche mese in ritardo…magari hai già un nuova planetaria o forse ti potrà servire per la colomba ma volevo dirti che faccio da anni il panettone in casa, con pm, e faccio tutto a mano con risultati più che discreti ! Se poi usi farro invece di manitoba se ancora più agevolato, perché come saprai, col farro il rischio è piuttosto di lavorarlo troppo invece che troppo poco, ma a mano questo rischio non c’è. Preparati a sudare però, c’è da lavorare sodo !
    Ciao
    Vlindertje

  16. […] invernale non è sempre ottimale; troppi ortaggi da serra (magari le zucchine? Grrr! direbbe il Professor Giannattasio sul pastonudo). Molti bambini purtroppo non gradiscono i piatti stagionali a base di cavolo, […]

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito