Farfalle alla menta

Va bene. La primavera sembra che finalmente ci stia degnando della sua presenza, il fieno è stato tagliato pochi giorni fa (e ci porta ogni sera il suo profumo meraviglioso), il pasto nudo accumula progetti molto belli di cui per adesso non vi parlo (ma ve ne parlerò presto), e insomma ogni tanto respiro e mi ricordo quant’è bello fermarsi e assorbire ciò che c’è attorno.

Soprattutto quando attorno ci sono alberi, fiori, pecore e vabbeh lo so sono in mood bucolico, la primavera me lo fa. Me lo deve fare. Voglio essere un albero. O una collina. O la mia bimba che si stupisce per ogni piccola cosa. E magari sono un po’ tutto questo. Se ci provo :-)

Eccovi perciò, in bundle con il mio momento di relax, una ricetta semplicissima che viene pari pari dal librone di bioterapia nutrizionale, e che serve, udite udite, per indurre il sonno e in genere calmare l’agitazione (menta, A ME!!!!!).

Pare infatti che la più spiccata proprietà della menta sia frenare “l’irritabilità neurologica”, tanto è vero che è molto apprezzata dai cocainomani durante le fasi di astinenza. Non so quante zucchine alla scapece ho mangiato quando mi sono curata con la bioterapia… diciamo che la tranquillità serafica non è esattamente una mia caratteristica, per quanto io la insegua instancabilmente (ma forse per essere serafici per prima cosa bisognerebbe smettere di inseguire, ehm).

Da notare che non si ottiene lo stesso effetto calmante se la menta è proposta in un infuso (ha comunque un effetto sedativo, ma brevissimo, al quale segue subito una ripresa dello stato ansioso), perché le sostanze con gli effetti terapeutici più spiccati sono liposolubili e quindi non si sciolgono nell’acqua (ecco il perché del burro e della panna).

I carboidrati vengono potenziati dal burro e dal parmigiano (che è molto energizzante), i pinoli potenziano l’aspetto soporifero e miorilassante grazie al calcio che contengono, e la menta riequilibra lo stato nervoso; oltretutto agevola la digestione di tutti gli altri componenti del piatto. La bioterapia consiglia questo piatto addirittura per i malati di Alzheimer (che è appunto una patologia degenerativa del sistema nervoso), che hanno appunto fasi di insonnia e agitazione.

Ho sfruttato il fatto che la mia pianta di menta piperita è praticamente esplosa negli ultimi giorni; pare voglia saltare fuori dal vaso da un momento all’altro, avete presente la piccola bottega degli orrori? Così, prima di essere costretta anch’io a puntarle contro un revolver, ho provveduto ad alleggerirla di un po’ delle sue profumatissime foglie per condirci il mio piatto di pasta-soporifera (aungh).

Il librone dice anche che se a cena si sostituisse il riso alla pasta in questa particolare preparazione si rischierebbe di alzare improvvisamente il picco degli zuccheri, cosa che provocherebbe un abbassamento repentino dello stesso picco con conseguente risveglio notturno (pare che i diabetici conoscano bene questo problema).

Ingredienti:
200 grammi di farfalle
un mazzetto di foglie di menta
100 grammi di panna fresca
60 grammi di pinoli
una noce di burro
Parmigiano Reggiano

Il piatto, perfettamente in linea con la rilassatezza di cui sopra, è commoventemente semplice e veloce da preparare: dovete solo mettere a bollire l’acqua per la pasta, scaldare in un pentolino (bastano circa 50°C) la panna con dentro la menta tritata a coltello (bastano anche una decina di foglie), aggiungere i pinoli (se volete potete tritarne a coltello una parte), e poi versare il tutto sulla pasta scolata al dente e condita con burro crudo e parmigiano (io ho mischiato tutto insieme).

Decorate con qualche fogliolina di menta e servite subito. E buon riposo… :-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

15 comments

  1. Loretta ha detto:

    Buonissima questa pasta!! Appena mi riprendo dai disturbi che in questo momento imperano la faccio!

  2. jennifer ha detto:

    Buona e semplice…un elogio alla golosità!!!!!!!!

  3. Raffy ha detto:

    semplice e deliziosa… adoro la menta, complimentiiiiiiiii!! la provo!

  4. sissa ha detto:

    Ciao Izn e buondì a tutti! Stupendo e fresco questo piatto peccato che non amo i condimenti burrosi/pannosi nella pasta, adoro invece pinoli e menta (che sta esplodendo dai vasi anche a me! ..Solo che io pensavo di sfoltirla optando per un bel mojito pre dinner….. :) Si può!?!??! ..Dice qualche cosa il tuo bel librone di bioterapia su questa bibita?? :) Sarebbe bello di sì, è così buono!!)
    Scherzi a parte, preziosi i tuoi lumi sulla menta, la metto anche nell’insalata e da un tocco così sfizioso..
    Buonissima giornata di sole,
    ciao
    Sissa

  5. anna ha detto:

    ciao Izn, anche io non condimenti burrosi/pannosi nella pasta. Ma la combinazione di menta/pinoli mi sembra da provare. Alla scoperta di un’altra ricetta? Ciao.

  6. izn ha detto:

    @sissa e anna: tenete conto che non è assolutamente il classico piatto di pasta con la panna, un po’ appiccicosa e unta. La panna ha praticamente la consistenza del latte visto che viene solo scaldata a 50 gradi, e anzi è molto adatta anche al tepore di questi giorni, non è per nulla invernale. Detto questo, sissa, massimo rispetto per il mojito (ma non facciamolo sentire al librone di bioterapia, che se subodora la parola “superalcolico” va in autocombustione immediata :-P

  7. paola ha detto:

    ciao izn! ma io questa ricetta che commuove la provo subito! ecco questa è una delle ragioni per cui passo di qua quasi ogni giorno…da un anno o giù di lì! buona serata e…buona notte a tutti!!!

  8. sissa ha detto:

    :)) che ridere! ..pensavo che, magari, in fondo in fondo, ci fosse qualche nota a piè di pagina e scritta in piccolo per l’abbinata menta/lime/zucchero di canna/rum. Meglio sorvolare l’argomento su questo fantastico spazio per il massimo rispetto e stima per la tua opera, allora ;) anche se una risatina in compagnia non fa mai male, anzi!
    Quanto alla pasta, mi hai convinta tanto che ho già le papille gustative in azione!
    Ti abbraccio ;)

    Sissa

  9. bea ha detto:

    questa me la segno sarà la mia pasta dell’estate!

    E se ho la menta secca (proveniente da pianta vera ma seccata in casa) va bene uguale?

  10. Come ti capisco: anch’io a volte guardando gli alberi , le mie roselline che stanno sbocciando vengo colta da mood bucolici :)
    Questa pasta deve essere squisita: sono una fan acclamata della menta!!!!
    Bacioni, Titti

  11. Tabita ha detto:

    Che buonaaaaaa! Io di solito non amo la panna, ma qui mi tenta davvero tanto!
    Buona giornata!

  12. Dora ha detto:

    Non so perchè, ma avrei detto che la menta ha gli effetti contrari. Anche la mia è esplosa, magnifica! E pensare che stavo quasi rinunciando a tenerla..
    Ricetta segnata. Poi ti dico se funziona sulla mia insonnia!

    Ps che panna è quella?

  13. Cristina ha detto:

    Semplice ma dal gusto freschissimo :-)
    Perfetta per il caldo pistoiese di questi giorni
    Cri

  14. Silvia ha detto:

    Mamma mia che bisogno di sperimentare questa ricetta. Dopo settimane di lavoro frenetico e pause pranzo selvagge fuori casa, finalmente riprendo i miei ritmi e mi rifugio da voi ad attingere ricette rigeneranti.
    Questa, con la menta calmante e panna e burro della marca buonissima :-), fa al caso mio. Grazie!

  15. Ilaria Guidi ha detto:

    Che bella questa ricetta…chissà che profumo…
    Ti seguo sempre con piacere!
    Un caro saluto.
    Ilaria

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito