Volere volare

Sto capendo la genesi del pasto nudo in corso d’opera. Voglio dire, nella quasi totalità dei casi le mie azioni sono frutto della più pura impulsività: ho imparato molto tempo fa a fidarmi più dello stomaco che del cervello, e la cosa per me funziona benissimo.

Salvo poi dopo tipo due anni rendermi conto che quello che mi piace veramente è qualcosa a cui puntavo da quando ero veramente implume, e cioè scrivere.

E sì che mio padre mi regaló una compattissima macchina da scrivere azzurra quando ebbi più o meno dodici anni. Avrei dovuto capire tante cose, altro che teatro, ceramica, grafica e dipingere.

Che poi scrivere riesca a fondersi casualmente con una delle mie passioni più forti, il cibo, non è altro che un plus che aumenta il mio interesse in ciò che faccio, e la voglia di studiare e approfondire.

Così come le parole che scrivo, tutto ciò che “produco” anche i quadri che dipingo, le fotografie che scatto, o i piatti che cucino esprimono ciò che sono, ma hanno anche una vita propria, non hanno bisogno per forza di me per esistere.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.
Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato sul sito è semplicemente Nome e Cognome) e la password che ti abbiamo inviato con la tessera.
Se selezioni l’opzione “Ricordati di me” dovrai farlo solo la prima volta.

» Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito