Carote arrostite al timo

Questa, e poi la smetto con le carote viola, giuro. Ma dovevo proprio farvela vedere. Una cosa così semplice e non ci avevo mai pensato: le carote si possono arrostire! Inoltre mi si aprono nuovi orizzonti su tutte le altre verdure, da domani mi metto ad arrostire la qualunque!!!

carotearrostite01 Carote arrostite al timo

Queste la prima volta le avevo viste qui, nel blog che in questo momento è in assoluto per me il re di tutti i foodblog, “what katie ate”. Per le fotografie, per la grafica, per le ricette (anche se non è che siano proprio consapevoli, eh… ma c’è molta scelta) e anche perché è australiano, e in questo momento storico vorrei essere quanto più possibile lontana dall’Italia (lo so, non è carino, e infatti sono qui a combattere in prima linea, però l’istinto sarebbe quello di andare in un posto dove si respiri un’aria diversa. Voi no?).

Dopo qualche tempo le vidi anche da Sigrid, in un’altra versione altrettanto appetitosa (e artistica).

Come già ho detto innumerevoli volte, le carote non le amo affatto (e come ho scritto l’altro giorno a quanto pare avevo i miei motivi istintivi…), e quindi trovare un modo nuovo di cucinarle per me è una carta assolutamente da giocare. Queste viola, soprattutto, che non so cosa, ma qualcosa di diverso hanno anche nel sapore. Sono un po’ meno dolciastre, tanto per cominciare, cosa che per me già gli dà dieci punti.

Inoltre il forno (anche se non è ecologicissimo, ecco) è la salvezza dei momenti nei quali non avete tempo e voglia di cucinare: soprattutto in questo caso, le carote dovete solo spazzolarle, condirle e buttarle alla rinfusa sulla leccarda, quindi tempi e costi di questa ricetta praticamente zero :-)

carotearrostite02 Carote arrostite al timo

Insomma, ricetta perfetta per il venerdì e per il fine settimana. Sempre se avete una salute perfetta, perché come avete letto mercoledì cuocere le carote con l’olio vuol dire vitamina K a go-go!

Ingredienti:
carote (sottili!) quante ne volete (anche arancioni o bianche o miste)
un nutrito mazzetto di timo
olio extra vergine d’oliva
sale integrale o fior di sale

Non dovete fare altro che accendere il forno a 180°C, spazzolare le carote con la spazzola che sapete, metterle in una ciotola grande e condirle bene con l’olio, il sale, il timo (io avevo anche un sacco di fiori di timo, e ce li ho messi – in realtà c’erano più fiori che timo) o ciò che in definitiva più vi ispira (ma non metteteci cose tagliate a pezzettini molto piccoli tipo aglio tritato, ché vi si brucia).

carotearrostite03 Carote arrostite al timo

Poi le spargete sulla leccarda foderata con un po’ di carta forno, elargite loro un altro po’ d’olio e sbattete tutto in forno.
Mescolate occasionalmente, e cuocete fino a quando la forchetta non si infila facilmente nelle carote, o fino a quando assaggiandone una non la trovate strepitosa (Katie suggerisce una quarantina di minuti).

Hanno un sapore particolare e la coda croccante. Yum :-)

 

7 comments

  1. Sandra scrive:

    Sì, ma ste carote viola dove le trovi??? che io le ho cercate pure stamani, al mercato di Campagna Amica (la quinoa del precedente post mi ha stuzzicato l’appetito!) e tutti mi guardano come si guarda un marziano!
    Mi piacciono le carote (ma anche qualsiasi altra verdura) sia crude che arrostite, magari meglio se fatte su un barbecue anziché in forno. Devo dire che spesso è il mio pranzo quotidiano in estate: zucchine, melanzane, peperoni, pomodori verdi, indivia o radicchi grigliati…mmmmmmhhhhh, che bontà!
    P.S. se cerchi compagnia per trasferirti in Australia (o Canguronia, come la chiama mio marito), fammi un fischio!

  2. Tabita scrive:

    Io le ho fatte -e postate- poco tempo fa, aromatizzate al rosmarino, insieme ad altre verdurine varie!
    Ah, da qualche parte -forse sulla settimana enigmistica- avevo letto che le carote in origine erano viola, poi hanno creato la variante arancione in omaggio alla casa d’Orange-Nassau… Data la fonte non autorevolissima, la curiosità è da accertare :-)
    Ciao!

  3. marta scrive:

    da provare… ho sempre un sovrappiù di carote per casa!

  4. claudia scrive:

    @Tabita: non é che l´hai letto qui? hi hi…
    Izn, ma non é che se non ti piace qualcosa poi devi cucinarla in venti modi diversi fino a fartela piacere…o no? ;-))

  5. Tabita scrive:

    @ Claudia, ma io mi ero persa quella fantastica vellutata, nuoooo! Beh, almeno abbiamo (ho) una fonte più autorevole della rubrica “forse non tutti sanno che…” (sulla quale resto abbastanza sicura di aver letto la storiella)! :-)

  6. singlemama scrive:

    lo farò con le carote arancio. :-)

  7. Valewanda scrive:

    Sto tirando fuori ora le carote dal forno… Sembrano buonissime!!! :-)

Add Comment Register



Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito