Frittelle di broccolo romanesco

Se c’è una cosa che non riesco proprio a mangiare neanche se sono molto affamata sono le verdure strabollite; avete presente quando diventano molli e grondanti d’acqua? Poi egoisticamente quando non mi piace qualcosa tendo a pensare che non possa piacere a nessun altro, salvo poi sentirmi dire da zac: “ma ogni tanto un vegetale bollito con un po’ di olio e limone no?”.

broccolo romanesco ricetta

Insomma, se siete la classica moglie da pasta al burro e uovo al tegamino e protestano perché non preparate mai niente di particolare, se invece siete là a immaginarvi leccornie diverse ogni giorno e deplorano perché non fate mai un piatto semplice, ‘sti maschiiiii! Ad ogni modo il discorso verdure mollicce, a parte le implicazioni bionutrizionali che già conoscete (ritenzione idrica etc) quando ero una giovinetta implume mi portava semplicemente a saltarle a piè pari, e pace.

Piano piano poi mi sono resa conto che eliminato il mondo vegetale non è che rimaneva moltissima scelta, e così ho cominciato a studiarmi la situazione e ad andare alla ricerca di modi alternativi di cucinare le piante, scoprendo che ad esempio per quanto riguarda le crucifere non esisteva solo il cavolo bollito (bleah!) o l’insalata di rinforzo (bleeeeaaaaaaaaah!!), che oltretutto è anche considerata un piatto talmente prelibato che a Napoli si serve sulla tavola di Natale.

Ovviamente poi per la mia anima da infante tutto ciò che è fritto significa buono-festa-divertente-novità, e quindi quando ho visto queste meraviglie sul sito di Antonella (aah, io di questo blog potrei rifare tutte le ricette una per una, è uno dei primi nella classifica dei top ten) trasformarle da virtuali a reali è stato un attimo.

L’unica modifica che ho apportato alla ricetta è stata utilizzare un piccolo broccolo romanesco arrivato fresco fresco con il cassettone bio, stufarlo invece di lessarlo (non ci riesco proprio!) e aggiungere un po’ di noce moscata e prezzemolo; per il resto ho lasciato tutto com’era.

Inutile dire che potete sbizzarrirvi con le spezie; ad esempio se ce l’avete potete provare a sostituire il prezzemolo con il coriandolo fresco (ma mi sa non in questa stagione, Claudia, che diciii?), o aggiungere cumino, curry, o tutto quello che vi viene in mente.

Ingredienti:
1 broccolo romanesco piccolo
50-60 grammi di farina 0
1 uovo
parmigiano reggiano
noce moscata
una manciata di prezzemolo
sale e pepe

Dividete il bellissimo frattale in cimette, mettetelo in una pentola alta, aggiungete un dito d’acqua, coprite e lasciatelo cuocere a fiamma media fino a quando non sarà abbastanza morbido da poterlo schiacciare agevolmente con una forchetta. Scolatelo bene e mettetelo ad asciugare su un panno pulito (meno acqua rimarrà dentro meglio è).

Mettetelo poi in una ciotola di vetro, riducetelo ad un purè grossolano, aggiungete l’uovo, un’abbondante grattugiata di parmigiano, la noce moscata, il prezzemolo, il sale e il pepe e la farina (se vedete che il composto è ancora troppo molle aggiungete altra farina – deve avere una certa consistenza, ma non deve essere neanche troppo denso altrimenti le frittelle verranno gommose).

Lasciate riposare l’impasto una mezz’oretta, intanto mettete a scaldare una padella antiaderente senza teflon oppure una padella di ferro “condizionata” (avete visto la discussione sul forum su come far diventare antiaderente *per sempre* una semplice padella di ferro? Grazie Pino!)

Quando la padella sarà piuttosto calda coprite il fondo con l’olio d’oliva e immediatamente adagiate alcune cucchiaiate di composto (ricordate che l’olio non deve mai fumare!) appiattendole leggermente con il dorso di un cucchiaio.

Lasciate friggere fino a quando non avranno un bel colorito da tutti e due i lati (non cuocetele troppo poco altrimenti l’interno rimarrà crudo), mettetele ad asciugare pochi minuti su un bel foglio di carta del pane e servitele caldissime, accompagnate con un po’ di creme fraiche o panna acida.

Ti è piaciuto l’articolo? Fai una donazione per sostenere il pasto nudo!

 

46 comments

  1. fra ha detto:

    A me le crucifere piacciono davvero tantissimo, qualsiasi tipo di cavolo mi fa impazzire, però come te odio che diventino molli! Queste frittelle avevano conquistato anche me e sicuramente proverò a farle, ma se vuoi un piccolo consiglio, la cottura al vapore è eccezionale. Ti permette di tenere sempre sotto controllo la croccantezza delle verdure e inoltre è un modo davvero leggero per cuocerle. Oppure per esempio il cavolo cinese lo cucino spesso saltato nel wok con salsa di soia, dopo averlo tagliato a fettine sottili! Spero di averti dato due buone idee ;)
    Un bacione e buona giornata.
    fra

  2. a dir poco sublimi!grazie!

  3. marta ha detto:

    miticissima, ho anch’io un broccolo frattale in frigo da smaltire! stasera mi cimento.

  4. Ely ha detto:

    deliziose!!!! a me capita spesso di fare le verdure stracotte al vapore :-) questa è un ottima soluzione per mascherare i miei purè :-))) ciao Ely

  5. Giò ha detto:

    pure io odio le verdure lesse, non sanno di niente, perdono tutti i principi nutritivi e fanno tanto ospedale….i cavoli di solito li cuocio al vapore in pentola a pressione oppure coma fai tu! da copiare subitissimo questa ricetta, golosa e basta!

  6. jose manuel ha detto:

    Rica verdura frita. Con un poco de mayonesa sería un crimen comerla. Gracias por tu receta

  7. manu e silvia ha detto:

    Ciao! ottimo anche preparato in questo modo! non lo abbiamo ancora fatto..ma siamo ancora in tempo per rimediare!
    un bacione

  8. Miralda ha detto:

    Fantastiche queste frittelle! Io mi sono cimentata con patate, salmone e aneto, adoro quel croccantino che assumono. Però, però, le verdure mi piacciono, anche come chiede il tuo Zac, ma cotte al vapore (mai bollite!) e giusto un giro di olio EVO. Al vapore conservano tutto il loro sapore, promesso!
    Miralda

  9. Cristina ha detto:

    Anche io odio quando le verdure vengono lessate e diventano mollicce, ma ho scoperto da poco la cottura al vapore… Tutta un’altra storia!
    Queste frittelle però sono molto più invitanti! ;-)

  10. Gloria ha detto:

    Che meraviglia queste frittelle! che ne dici di un’aggiunta di scorza di limone?!

  11. claudia ha detto:

    Accidenti! Anche se qui il frattale me lo sogno (mi sa che mi tocca sostituire con dei broccoletti verdi…), queste con una bella ciotolina di valerianella in insalata mi tramutano subito in Poldo Sbaffini!! ;-)

  12. marcella ha detto:

    Io il broccolo romanesco lo trovo molto raramente.
    D’altronde se si chiama romanesco, perchè dovrei trovarlo nella piatta pianura padana? Però mi piace moltissimo!
    E anche queste frittelle, mi sa che mi piaceranno molto: veloci, facili e con verdura.
    Cosa voglio di più dalla vita?

  13. cembolina ha detto:

    accipicchia… dopo la bastonata (metaforica) che mi son presa quando tiho chiesto perché no? in merito agli stampi in silicone, mi sa che sul perché no? del teflon mi rispondo da sola… :-)

    carina l’idea delle frittelle…
    appena il mio stomaco decide che gli sta bene che io mangi di nuovo senza preferire l’espulsione di ciò che è stato ingerito, direi che le metto nella lista dei to do :-)

    baci

  14. mike ha detto:

    così è indubbiamente più sfizioso…maaaaah io potrei mangiare un broccolo intero bollito (ma nn troppo, nn mi piace mollacchio) e condito con olio e tanto limone…e quando dico uno non esagero….così è lo stesso per carciofi e cardi, biete….cardi poi sn capace di magiarne veramente fino a sentirmi male……a catania hanno il broccolo viola che è bellissimo da vedere colora meravigliosamente i banchi di frutta e verdura del mercato “la pescheria”…ma poi quando lo cucini il viola si trasforma in verde….ci sono rimasta male…invece ho sempre pensato che il broccolo romaneso fosse uscito fuori da un disegno di esher….infatti lo chiamo il broccolo di esher….ciaoo

  15. claudia ha detto:

    @mike: un po´ come il cavolo cappuccio viola, che quando lo cuoci diventa blu. Siamo o non siamo tutti apprendisti alchimisti?
    Per il frattale di Escher, misa che sei in buona compagnia!
    ciao!!!

  16. mike ha detto:

    ahahahah allora non sono l’unica folle…….che fa pensieri strani sul cibo…:-)

  17. izn ha detto:

    @fra, miralda, cristina: non so se riusciremo a postarlo venerdì o lunedì, ma stiamo preparando un articolo con Elena che vi stupirà, che riguarda (tra l’altro) la cottura a vapore!!

    @marta: ben caduta sul pasto nudo marta!

    @gloria: non ci crederai ma ho fatto due impasti separati e in uno ci avevo proprio messo la scorza di limone, ma l’assaggiatore zac (anche detto “il miglioratore”) ha sentenziato che ci stava male, e così non ho annotato. Però qualche dubbio ce l’ho ancora… se provi dimmi!!!

    @cembolina: vale la stessa cosa che ho detto sopra a fra, miralda e cristina, ma sul teflon :-) sai che ti capisco profondamente? ogni volta che ho trovato notizie allarmanti su cose che utilizzavo tranquillissimamente mi sono sentita “bastonata” proprio :-(

    @mike: anche zac, anche zac! Io invece ho comprato una specie di cavolo cappuccio viola che colora tutto di viola accesissimo, devi assolutamente cercarlo, è incredibile perché il colore se possibile diventa anche più intenso quando lo cuoci :-)

  18. mike ha detto:

    si ho capito qual’è io solitamente lo mangio crudo e ci faccio il coleslow (mi sono inglesizzata :-P)per il mio super hamburger casereccio….è buonissimo un pò piccantino e a guardarlo in sezione starei li ore e ore cercando di capire come possa essere così perfetto…poi c’è la chef del ristorante alice che con qst cavolo ci fa “l’insalata di pesce su mare blu” o qualcosa del genere….molto coreografico!!!!!bacioooooo

  19. zac ha detto:

    avete notato che ormai tutti i post di izn cominciano con un aneddoto su di me? comincio a sentirmi come la moglie del tenente Colombo… :-))))

  20. jennifer ha detto:

    A me farebbe anche voglia provare queste sfizierie…ma il broccolo romanesco lo troverei solo al non-bio..ammesso di trovarlo(=vedi sopra su piatta Pianura Padana!!!!)..potrei provare col cavolfiore “classico”????

  21. terry ha detto:

    tipo dei rosti! che bontà..idea ottima stuzzicosa e gustosa!

  22. Cleofe ha detto:

    Zac…..e come la moglie di maigret??no?

  23. izn ha detto:

    @jennifer: sì sì e poi la ricetta originale era proprio con il cavolfiore!

  24. jennifer ha detto:

    @Izn:Fiiiiiiiiiiiiiiuuuuuuuuuuuuuuuuuuu….sono salvaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!

  25. zac ha detto:

    @Cleofe: si, ma poi questo farebbe di Izn maigret. Lei ha più un “non so che” di colombo… ;-)

  26. Sandra ha detto:

    @Zac naaaaa..troppo precisa Izn per sembrare Colombo! Invece la vedo bene come commissaria investigatrice della perfezione…prova un po’ a metterle una pipa in bocca e un buon bicchiere di calvados in mano e vediamo l’effetto che fa!

    @Izn un articolo con la dott.ssa Elena sulla cottura a vapore?? devo iniziare a preoccuparmi? Oh santo cielo, io le verdure le cuocio SOLO a vapore! sto sulle spine….

  27. Daphne ha detto:

    Quando ero piccola qualche verdura non piaceva nemmeno a me, col tempo sono arrivata ad amarle tutte, pure quelle O_o
    Le frittelline sono troooppo invitanti!Di broccolo romanesco insolite ma che curiosità di provarle ^_^
    Il broccolo romanesco l’adoro.

  28. ilAria ha detto:

    Qualsiasi cosa che assomigli a un cavolo è benvenuta sulla mia tavola. Se poi è fatto bello sfizioso – della serie, cominci con una frittella mentre cucini le altre e poi ti rendi conto che non ce n’è più per i commensali – allora è immediatamente acquisito tra le ricette dalle quali non si può prescindere.

  29. silvia ha detto:

    zac mi ha ridere di gusto. io adoro adoro le verdure a vapore. restano del colore naturale e hanno un sapore che non riesco quasi a portarle in tavola sotto altra forma. ho preparato gli involtini con cavolo e porco e le foto le avrei fatte al piatto vuoto. vedremo con questi.
    grazie sempre. si

  30. salsadisapa ha detto:

    oddio effettivamente le verdure lesse non sono un granché… sono come delle spugne :S tu le hai esorcizzate davvero bene! seeeenti, ma lo sai che si possono fare anche in versione dolce, le frittelle di broccolo, cavolfiore o simili? le fa mia nonna! guarda qui :D

  31. izn ha detto:

    @daphne: meravigliosa la definizione “verdure O_o” dice veramente tutto, eheheheheh!

    @ilAria: a chi lo dici, e quando ci arrivano al tavolo le frittelle, di qualsiasi tipo…

    @silvia: mi hai fatto venire un’idea, la prossima volta anch’io voglio fotografare il piatto vuoto! Un’immagine che vale più di mille parole, così non devo neanche scrivere il post :-P

    @salsadisapa: Ma io le avevo viste queste frittelline, da te, e non credere che non abbia notato anche il cheesecake al cavolfioreeee!!!! E allora perché ti osannerei?! Un bacio :-)

  32. cembolina ha detto:

    ecco.
    quanti stampi in silicone non ho ancora buttato per pigrizia ma ho smesso di usare non te lo sto nemmeno a dire…

    ma le padelle col teflon… è una mazzata dalla quale non so quando mi riprenderò ;-)

  33. jennifer ha detto:

    Hey la….ho appena trangu…hem…divor…hem…mangiato le suddette frittelle di broccolo romanesco fatte col cavolo “classico”!Che bonta’!!!Pero’ pero’,ho apportato qlc modifica…oltre al cavolo “classico”,ho usato il lievito alimentare al posto del parmigiano reggiano ed ho aggiunto una splverata di curry piccante!!!!Assolutamente da rifare,maaaaaaaa….quante se ne possono mangiare in un pasto senza incorrere nelle funeste conseguenze”tutta ciccia e brufoli”???Non so se si e’ capito..io sono un’ingordona golosonaaaaa ;-P

  34. cembolina ha detto:

    eccomi, finalmente.
    che ce l’ho fatta anch’io. vabbè, il mio non era un broccolo romanesco, ma un banale cavolfiore. e visto che ho impastato tutto nel bimby l’impasto era un po’ molliccio e ho dovuto aumentare la dose di farina. però son venute una meraviglia da leccarsi i baffi. :-)

    e quoto jennifer : quante volte alla settimana si possono rifare? 12? 15? no, così, per sapere … :-D

  35. AnthonyB ha detto:

    Cucina consapevole… TSK… non e’ mia intenzione fare dello scherno, ma se cuoci un cavolo finche’ diventa molliccio, poi ti magni solo le fibre vegetali perdendoti tutte le vitamine. Molto meglio quindi cuocerlo al vapore, oppure cuocerlo un 5 min nella pentola a pressione e poi passarlo 2 sec al mixer. Io non sono certo per la cucina salutistica (nel senso che mangio certi arrosti che manco un T-Rex..) ma se ho un cavolo, voglio il meglio da lui! :P

    Spero che da febbraio 2010 la consapevolezza sia aumentata! ^_-

  36. izn ha detto:

    @anthonyB: ma infatti, è proprio quello che dico io!!! Guarda, su questo blog non troverai *mai* un vegetale strabollito.
    In realtà in questo caso la consapevolezza parte anche dalla conoscenza del metabolismo personale. Ad esempio per me il cavolfiore è meglio non sia strabollito, ma chi ha problemi ad assorbire i sali deve necessariamente bollirlo (un pochino, eh) perché alcuni dei suoi sali si diluiscano in acqua. La cottura a vapore è adatta solo a certi tipi di persone, proprio per questo motivo: i sali minerali rimangono tutti nel vegetale, e in alcuni casi portano una grande ritenzione idrica (vedi questo post della Dottoressa Galeazzi).

    Ad ogni modo secondo me gli arrosti sono consapevolissimi, anche quelli da T-rex – sempre se sono preparati partendo da un animale felice.

  37. AnthonyB ha detto:

    Uhm.. ho capito e forse non hai tutti i torti, anche se non sono cosi’ sicuro che i sali minerali del vegetale siano cosi’ dannosi per la ritenzione idrica, poi boh.. non sono un nutrizionista quindi chiudo la bocca :)
    Grazie per la risposta, ciaooo!!

  38. anna ha detto:

    izn, ma non usi un po’ di acqua nella pastella?

  39. angela maria ha detto:

    anthonyb….ciaoquarda che e vero le verdure vanno cotte poco!!!! ma il problema e se uno nn riesce a digerirle …quindi le cuoce un po di piu…ma pero dopo cotte nn passarle nel mixer…brrrrrrrrrrrrr….ciaooooooooooooo

  40. izn ha detto:

    @anna: no, no, basta l’acqua che c’è nel broccolo. Se proprio li vuoi più morbidi prova ad aggiungere un po’ di latticello, ma non ho sperimentato e non so cosa ne viene fuori. Ricordati di mettere poca farina, altrimenti viene fuori una frittella pesantona :-P

  41. anna ha detto:

    ho fatto le frittelle seguendo le tue indicazioni aggiungendo pochissima acqua e sono state molto apprezzate. Grazie,

  42. Mary ha detto:

    Ho scoperto per caso questo splendido blog
    in cerca di una ricetta con il cavolo romano.
    Ho trovato proprio quella che cercavo!
    Non solo!
    Complimenti per tutto!
    La grafica estremamente piacevole,
    gli articoli svariati, dettagliati ed interessantissimi.
    Ho colmato le cartelle nei miei preferiti e ti seguirò spessissimo.

    Piacere di averti conosciuta!

    Mary

  43. Le ho provate! E le ho trovate una meraviglia!!!
    Semplici e veloci.. e tanto tanto gustose!
    :-)

  44. zac ha detto:

    @Elena: ho spostato qui i tuoi commenti, mi sembravano più attinenti all’argomento.

  45. Elena ha detto:

    @zac: hai ragione, non riuscivo a trovare il post giusto! Grazie!

  46. rosanna ha detto:

    @izn: quando sul pomeriggio tardi rinfresco il mio lm, ho imparato a fare delle piccole simil tigelline con la pasta che rimane, ungo appena appena un padellino e metto mezze cucchiaiate di lm (io rinfresco sempre 100 gr.), schiaccio nella cottura e alla fine calde calde, ne riesco a fare 4 o 5 ci metto su un pezzettino di acciughina, o un pezzettino di formaggio o verdura, insomma quello che c’è e così faccio un piccolo antipastino, poi per caso ho ritrovato questo tuo post e ho provato a mettere le verdure o tutto il resto mischiandolo in quella pasta rimanente e procedere come al solito e ti dico che sono veramente buonissime le quasi frittelle, quasi perchè non sono fritte, volevo dirtelo perchè alla propria maestra si mostrano i risultati dell’insegnamento.

Lascia un commento

Name*

email* (non verrà pubblicata)

Sito